TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page La vita Politica Lo sport Cultura Informazioni turistiche In città la nostra E - mail

Il sindaco Remigio Venuti incalzato sulla gestione dei lavori che procedono a rilento

«Errori in piazza Diaz»

di Alberto Nutricati, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 22/01/05

 

 

Dito puntato, nel corso del consiglio comunale di martedì scorso, contro il modo di gestire i cantieri aperti all'interno della città. Ad «attaccare» l'esecutivo sulla situazione dei lavori in Piazza Armando Diaz è stato il consigliere di An Claudio Bastianutti. «E' inaccettabile - ha detto Bastianutti - che gli interminabili lavori che interessano la piazza procedano a ritmi tutt'altro che frenetici. Basti pensare che la consegna dei lavori, fissata per il 30 novembre, è stata procrastinata addirittura sino a febbraio. Ma, considerando lo stato attuale dei lavori, sarà difficile che tale data venga rispettata». Tra l'altro le dimensioni della piazza - circa 1200 metri quadri - non giustificherebbero affatto, secondo il consigliere, un tale ritardo. «Si tratta - ha aggiunto Bastianutti - di uno scempio indecoroso e di una cattiva gestione dei lavori pubblici da parte dell'Ufficio tecnico, del Sindaco e dell'Assessore delegato». A rincarare la dose è stato poi Paolo Zompì (Udeur): «E' evidente che l'impegno da parte dei soggetti competenti non è stato sufficiente ed è inaudito che, mentre alcune situazioni di minore urgenza si risolvono immediatamente, altre vengano abbandonate a se stesse». La risposta del sindaco Remigio non si è fatta attendere: «Si tratta di un problema che incomincia a preoccuparci. Abbiamo già incontrato la ditta, sollecitandola a dotarsi del personale necessario alla conclusione dei lavori entro i termini previsti. Per il resto cercheremo di mettere in campo tutti gli strumenti, anche legali, per risolvere la questione. Tuttavia preferiamo non esasperare la situazione, per evitare una ricaduta negativa sulla tempistica dei lavori. Ma riconosciamo - ha ammesso infine il Sindaco - che probabilmente nella gestione complessiva dei lavori in Piazza Diaz sono stati commessi degli errori». Ma Bastianutti ha criticato anche la gestione dei danari pubblici. Sul banco degli imputati i 25 mila euro che compaiono accanto alla voce «spese tecniche», di fronte ad una spesa complessiva di 100 mila euro, prevista dalla variazione di bilancio approvata circa due mesi fa, da destinare ai lavori di Piazza Diaz. L'architetto Nigro, responsabile del settore Lavori Pubblici del Comune, precisa, però, che le spese tecniche sono pari a circa l'uno per cento. Per l'Ufficio ragioneria, infatti, sarebbe una prassi comune, sebbene non vincolante, prevedere, relativamente ai lavori pubblici, il 30 per cento dell'importo complessivo da destinare alle spese tecniche.