TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page La vita Politica Lo sport Cultura Informazioni turistiche In città la nostra E - mail

Italcogim incontra i possibili utenti

I vantaggi del metano

di Danilo Lupo, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 21/01/05

 

 

Metano: il risparmio c'è e si vede. Sono 184 euro rispetto al gpl, 190 euro rispetto al gasolio e oltre 800 euro rispetto all'energia elettrica i risparmi che una famiglia media si ritroverà alla fine dell'anno grazie al combustibile pulito che sta finalmente arrivando in città. Per illustrare queste cifre e per rispondere alle domande dei cittadini l'Italcogim vendite sbarcherà presso l'Ipermac di Casarano oggi dalle 16 alle 20 e domani dalle 15 alle 19 con uno stand dove saranno presenti alcuni funzionari dell'azienda concessionaria del gas metano. La stima elaborata dalla Italcogim sui risparmi di una famiglia media «confrontando i costi del metano con quelli di altri fonti di approvvigionamento, si capisce quanto quest'ultimo sia vantaggioso - spiega Michel Gouffon, direttore commerciale - si tratta di numeri di tutto rispetto, costi che incidono pesantemente sui bilanci delle famiglie italiane». Oltre ai risparmi derivanti dalle caratteristiche del metano, poi, ci sono altre due facilitazioni che l'azienda ha studiato per invogliare all'allaccio: una è già nota da tempo e consiste nella possibilità di allaccio a prezzi scontati, prorogata fino a giugno prossimo. Per collegarsi alla rete, quindi, il costo sarà di 103,29 euro più Iva, invece dei 387,34 euro più Iva, che sarebbero da corrispondere qualora si dovesse provvedere all'allacciamento senza alcuna agevolazione; allo stesso modo uno sconto è previsto per la costruzione della nicchia che ospita il contatore, che costerà 18,59 euro. L'altra agevolazione studiata dall'Italcogim si chiama «Doppio vantaggio» e prevede la possibilità di pagare a rate in bolletta gli oneri di allaccio. «Ed inoltre - sottolinea Gouffon - dopo soli sei mesi di consumi il cliente ha l'opportunità di pagare una somma fissa, sempre la stessa, anche nei mesi invernali quando i costi per il riscaldamento delle abitazioni pesano notevolmente sui bilanci famigliari».