TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

 

 

Per il 2006 riaprirà il reparto di Neurochirurgia e verranno raddoppiati i posti letto della Rianimazione
Di Enzo Schiavano, dal Nuovo Quotidiano di Puglia, 09/02/2006

  

Per il presidio ospedaliero “Francesco Ferrari” nulla di nuovo dal piano degli interventi programmati dall’azienda sanitaria Asl Le/2. Rispetto al Piano di riordino sanitario, infatti, l’atto emesso dal precedente governo di centro-destra, il nuovo direttore generale dell’azienda, Rodolfo Rollo, non ha aggiunto nulla di ciò che già si sapeva o che era previsto. L’istituzione del reparto di Neurochirurgia, infatti, che è la novità più attesa nel 2006 per la struttura casaranese, era stata già finanziata e programmata. Lo stesso discorso vale per il potenziamento della “Terapia Intensiva” con il raddoppio dei posti letto da 4 a 8.

L’attivazione del nuovo blocco di “Terapia Intensiva” è senza dubbio un elemento fondamentale per il potenziamento delle attività cliniche, anche perché 4 posti letto, quasi sempre occupati per gran parte dell’anno, si erano rivelati del tutto insufficienti per un ospedale che veniva definito “presidio di eccellenza”. In supporto della rete di emergenza urgenza, collegata con l'aria critica
di Rianimazione e la Stroke unit, inaugurata prima delle elezioni regionali, dovrebbe essere istituita l’unità operativa di Neurochirurgia, un reparto essenziale per non ritenere il “Ferrari” presidio di eccellenza solo sulla carta. Il reparto di Neurochirurgia era stato attivo nella struttura casaranese per diversi anni, prima di essere chiuso per motivi che non sono mai stati chiariti.

Piuttosto, rispetto al Piano di riordino sanitario dell’ex governatore Raffaele Fitto, è sparita la programmata istituzione del servizio di Neuroradiologia, che serviva per completare lo stato di eccellenza del “Ferrari”. Un elemento di novità, potrebbe rappresentare il potenziamento del servizio di Oncologia in un vero e proprio reparto considerato che, scrive il direttore generale, “la fase attuale, che vede attivato solo in servizio di day hospital, deve essere superata con l'apertura di una unità operativa con posti letto, destinata a servire tutto il bacino proveniente dall'area ionica dell'azienda”. Tra le novità annunciate da Rollo per l’anno in corso, una riguarda il servizio di talassemia.

“Dovrà essere portato a definitiva soluzione – scrive il massimo dirigente dell’Asl Le/2 – la
problematica riguardante l'allocazione del servizio di day hospital per pazienti con talassemia. A questo fine è in via di realizzazione un progetto specifico”. In sostanza, è stato programmato l’adeguamento della struttura del servizio che si trova attualmente al 3° piano. Per il resto, il dottor Rollo ha elencato una serie di interventi alla struttura che erano da tempo realizzati o in via di realizzazione. Molti cittadini e operatori sanitari si aspettavano invece qualcosa in più relativamente alle questioni annose che, magari con il cambio di governo regionale, potevano andare a soluzione.

Una di queste è il caso di “Anatomia Patologica”, un servizio che sulla carta risulta istituito a Casarano, ma che in realtà è attivo da anni a Gallipoli. E poi, la ferita ancora aperta dello “scippo” della sede della stessa azienda sanitaria che, con un colpo di mano, fu spostata da Casarano a Maglie per motivi politici.