TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

 

 

Stasera i premi «Casaranello»

Agli studenti in gara cinque borse di studio per i loro elaborati
di Alberto Nutricati, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 10/06//2006

  

Giunge a conclusione la prima edizione del «Premio Casaranello» indetto dall'associazione culturale «Casaranello» e dall'amministrazione comunale. La cerimonia si svolgerà alle 21 in piazza San Domenico. Madrina della serata sarà Barbara Chiappini, che presenterà la manifestazione assieme al giornalista Bruno Conte. Nel corso della cerimonia verranno insigniti con una statuetta in bronzo realizzata dallo scultore Giuseppe Corrado sei concittadini che si sono particolarmente distinti nei rispettivi ambiti professionali. Si tratta di Antonio Filograna, Gino Pisanò, Giorgio Martina, Mariella Primiceri, Paride De Masi e Hidetoshi Nagasawa, lo scultore nipponico e cittadino onorario di Casarano. Il premio, riservato agli studenti degli Istituti superiori casaranesi, consiste in cinque borse di studio di complessivi 10mila euro da assegnare ai cinque elaborati, sui 21 presentati, ritenuti più meritevoli. Soddisfazione espressa da parte degli organizzatori, sia per la qualità degli elaborati che ha messo a dura prova il comitato scientifico, sia per l'interesse con il quale i ragazzi hanno aderito all'iniziativa. «E' necessario - dicono gli organizzatori - far incontrare il mondo delle imprese con quello della scuola; con la speranza che gli imprenditori colgano l'importanza di quest'esperienza». Dello stesso avviso il sindaco Remigio Venuti (Ds), secondo cui una simile iniziativa mette in luce come i giovani, se opportunamente stimolati, possano essere una risorsa per l'intero territorio. «Ringrazio gli organizzatori del Premio - ha detto Antonio Filograna, fondatore della Filanto - sia per l'iniziativa, sia per il riconoscimento che intendono conferirmi. Spero, col mio esempio, di poter essere da stimolo per i tanti giovani che si affacciano al mondo del lavoro, affinché riescano a superare le difficoltà che incontreranno».