.

 

 

Blitz degli uomini dell'Arma in un casolare, presi due spacciatori
Dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 19/08/2005

 

 

Manette a due spacciatori, l'altra sera a Casarano, ad opera dei carabinieri della locale Compagnia attualmente diretta dal tenente Riccardo Urciuoli. Sono scattate ai polsi di Massimo Ciurlìa, 33 anni e di Leonardo Astore, 19, il primo un disoccupato già noto alle forze dell'ordine ed il secondo incensurato, e pure lui in attesa di prima occupazione. Nel corso dei servizi di controllo del territorio finalizzati anche alla repressione del fenomeno dello spaccio, i militari li hanno sorpresi all'interno di un casolare abbandonato ubicato in località «Spagnolo», nelle campagne della città, con droga, materiale per il confezionamento delle dosi e denaro. Più esattamente con poco più di sei grammi di eroina e due di cocaina, un bilancino di precisione, un paio di forbici, la somma di denaro contante di 240 euro e due telefonini cellulari. Sostanza stupefacente ed altro materiale, al pari dei cellulari, sono finiti sotto sequestro. In realtà, a quanto è dato di sapere, sulle tracce di non meglio indicati spacciatori, gli uomini dell'Arma erano già da alcuni giorni, e tanto perché avevano avuto notizia che in città, nelle ore serali, qualcuno spacciava proprio eroina e cocaina. Anche per questo, dopo aver attivato un servizio di appostamento, l'altra sera hanno deciso di monitorare anche alcuni casolari all'interno dei quali gli spacciatori potevano essersi rintanati per preparare le dosi da spacciare, ed hanno così scovato Massimo Ciurlia e Leonardo Astore.