TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

NELLA CHIESETTA DI SANT'ELIA un'icona agiografica tardo cinquecentesca è stata riconosciuta dal prof. Antonio Lupo

di Enzo Schiavano, dal Quotidiano del 20/04/03

La chiesa di Sant’Elia, situata nell’omonima contrada, custodisce al suo interno affreschi  del XVI-XVII sec. in cattivo stato di conservazione. Di particolare interesse risulta l’immagine che probabilmente raffigura S.Martino, in una  cornice narrativa che ricalca lo schema iconografico di lontana origine bizantina. Fuori dall’abitato fino a qualche decennio fa, prima che venisse inclusa in un parco di proprietà privata, la modesta costruzione ad aula unica presenta due ingressi ed è sormontata da un  campanile a vela. Ad essa contigui e addossati sono i locali del frate eremita, in seguito adibiti a deposito agricolo.

La cappella era collegata al santuario della Madonna della Campana, anch’essa sede eremitica, sulla sommità della serra. Sulla parete perimetrale sinistra sono visibili i resti della scena di una “Natività” sulla quale è incisa una iscrizione in greco. Ancora alle origini greche rinvia il grande pannello del santo vescovo benedicente con mitra e pastorale, affrescato all’interno di una nicchia di poco rientrante nella parete laterale. Il dipinto probabilmente tardo-cinquecentesco conserva l’impaginazione tipica della icona agiografica con scene della vita del santo disposte ai lati, un genere evidentemente ancora attestato in epoca post-bizantina.

Pur se degradato, al di là della resa stilistica, l’affresco è da apprezzare proprio per la sua struttura compositiva: una cornice di carattere narrativo che, risalendo a canoni stilistici di provenienza orientale, conferma per l’età moderna la persistenza di una tradizione pittorica di origine bizantina. La figura benedicente, dall’atteggiamento severo, si staglia imponente e statica su uno sfondo paesistico. In basso, a sinistra, compare la scena in cui un  cavaliere su bianco quadrupede dai finimenti ben disegnati, si rivolge verso un uomo ignudo che ha le braccia tese nel gesto di ricevere qualcosa.

Si tratta del celebre episodio in cui S.Martino sta per dividere in due parti con una spada il mantello da donare al povero. Le sequenze narrative della cornice dove, tra l’altro, si riconosce figura di un monaco con bastone da pellegrino sullo sfondo di stilizzati elementi vegetali, sono  purtroppo leggibili solo in parte. Sull’altare campeggia, al di sopra dell’immagine di Sant’Elia, una Vergine incoronata, dalla pelle bruna che abbraccia il Bambino, accanto alla quale è rappresentata una scena relativa alla vita del santo nel deserto. Questa raffigurazione, insieme con quella del rapimento sul carro trainato da due cavalli su lingue di fuoco, scolpito nell’araldica dello stemma in carparo di Palazzo D’Elia, è tra le più significative della sua iconografia tradizionale. Al fine di una migliore conoscenza di un episodio, sia pur minore, della cultura artistica del nostro territorio, appare consigliabile programmare un intervento di restauro e di conservazione di questi manufatti.

 



 
Scrivi la tua opinione sul nostro Forum