.

L'OLIO DEI FRATELLI PRIMICERI CONQUISTA IL SOL LEVANTE

di Gian Carlo Colella, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 16/02/03

Il «Primoljo» salentino è sbarcato in Giappone. L'azienda olearia di Casarano, che si va sempre più caratterizzando per l'eccezionale qualità del prodotto, è riuscita a vincere la storica diffidenza nipponica, conquistandosi un dignitoso posto nel mercato del Paese dei samurai. In precedenza l'olio salentino era già arrivato nei piatti dei giapponesi grazie ad altre aziende del settore. Ma in genere si è trattato di forniture effettuate a catene di ristoranti, coprendo quelle che si chiamano "piccole nicchie di mercato". Questa volta l'operazione è stata effettuata tra la produzione ed il distributore che opera in territorio giapponese. Un'operazione maturata dopo una serie di prove e controprove sulla validità del prodotto effettuata dagli esperti di Tokio, che alla fine ha portato alla promozione del prodotto della "Primoljo", tanto da avviare una campagna pubblicitaria del prodotto salentino. Ma il risultato dell'azienda olearia casaranese rappresenta solo una tappa del percorso che i tre fratelli Primiceri, titolari della "Primoljo", hanno cominciato da qualche anno, rinnovando e rinvigorendo l'azienda ereditata dal padre, scomparso circa sette anni fa.
Mimino, Rocco e Fernando Primiceri il salto di qualità lo fecero quando decisero di giocare tutto sull'imbottigliamento del prodotto, realizzato con accuratezza eccezionale: dalla raccolta delle olive sull'albero, alla lavatura e spremitura con metodi che danno il massimo della garanzia sul piano dell'igiene, fino alla scelta dei contenitori utilizzati per la confezione. Sono 18 i tipi di recipienti usati dall'azienda, selezionati per capienza e per design da Fernando, il più piccolo dei fratelli. Mimino e Rocco, invece curano la produzione e la confezione dell'olio.
La scommessa incentrata sulla qualità del prodotto si è dimostrata vincente se l'azienda di Casarano è riuscita a passare dalle 2.000 bottiglie vendute nel 1998 alle oltre 100.000 commercializzate nel 2002. Un risultato che premia ed incoraggia questi giovani imprenditori che hanno appreso l'amore per la terra dal padre, arricchendo il patrimonio di conoscenze grazie anche al supporto di associazioni di categoria come l'Aprol.
Fra giorni la rubrica "Gusto", condotta da Marco Palma all'interno del telegiornale di Canale5, farà conoscere le diverse fasi della lavorazione e produzione dell'olio di Casarano. Un motivo di orgoglio per Casarano e per il Salento.