TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

Iran - Studenti arrestati in conferenza stampa

dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 09/07/03

TEHERAN - Calma nelle strade e nelle Università di Teheran oggi, nel quarto anniversario della rivolta studentesca del 1999. Ma il rispetto dei divieti a manifestare imposti dal governo non sono stati sufficienti ad evitare l’arresto per alcuni dirigenti del movimento studentesco.
Tre di loro, membri della maggiore organizzazione studentesca riformista, l’Ufficio per il consolidamento dell’unità (Ocu) sono stati prelevati da uomini in borghese dei servizi di sicurezza sotto gli occhi dei giornalisti stranieri al termine di una conferenza stampa in cui aveva affermato che le riforme del presidente della Repubblica Mohammad Khatami «sono finite». Gli agenti hanno anche minacciato con le pistole alcuni dei giornalisti, costringendoli a gettarsi a terra. In precedenza il governo aveva ammonito i giornalisti stranieri a non presenziare ad alcuna manifestazione.
Gli arrestati sono Reza Ameri Nassab, che aveva preso la parola durante la conferenza stampa, Ali Moktaderi e Arash Hashemi. I tre sono stati portati via a bordo di automobili civili e non si sa dove si trovino ora.
Una manifestazione che lo stesso Ocu aveva annunciato per oggi davanti alla sede delle Nazioni Unite è stata cancellata su richiesta di alcuni parlamentari vicini al movimento studentesco, mentre le Università della capitale sono state chiuse, con i cancelli sprangati, per impedire manifestazioni all’interno.
Durante la conferenza stampa, i dirigenti degli studenti hanno annunciato l’invio al segretario generale dell’Onu, Kofi Annan, di una lettera in cui denunciano la violazione dei diritti umani in Iran.


Un grosso augurio a questi ragazzi ingiustamente arrestati  perchè siano quanto prima rilasciati, in Iran come in tutti quei paesi dove la libertà di pensiero, di stampa,  viene limitata dai vari governi. Auspico che il nostro governo e l'ONU si facciano carico di questi problemi, perchè è inconcepibile nel terzo millennio che gli elementari diritti dell'uomo siano ancora un privilegio per pochi su questa terra.

Eugenio Memmi

 

Scrivi la tua opinione sul nostro Forum