TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 Home page

 La vita Politica

 Lo sport

 Cultura

  Tutto città

 Informazioni turistiche

 La nostra E - mail

Gabriele Torsello, la storia di un uomo che ha cercato la sua strada girando il mondo, non da turista, per non accontentarsi di quello già preconfezionato dagli altri

 

 

Di Eugenio Memmi

Casarano, 03/10/2007

 

 

Passando ogni tanto dalla Fondazione Paola e Daniela Bastianutti, grazie ad un amico, ho avuto l’opportunità di farmi presentare Gabriele Torsello, il fotoreporter di Alessano rapito il 12 ottobre 2006 in Afghanistan e liberato dopo 23 giorni di prigionia. Gabriele sta collaborando assiduamente, con la Fondazione Bastianutti per promuoverla e sostenerla. Dopo averlo conosciuto, ho capito che Claudio Bastianutti e Sasà Stanca avevano fatto benissimo a coinvolgere questa straordinaria persona, perché il suo contributo sia professionale ma soprattutto umano non potrà che essere positivo a questa nobile iniziativa. Gabriele Torsello, quando mi è stato presentato, mi ha colpito molto per il suo saper aspettare, nel parlare, non è come noi, che quando iniziamo un discorso non facciamo altro che voler essere i primi a parlare, a voler condurre la conversazione, lui, no, aspetta che gli venga chiesto il suo parere e solo allora, con una calma, chiarezza e acutezza di pensiero dice ciò che pensa sull’argomento. E’ una persona mite di cuore, riflessiva, i suoi occhietti neri e profondi, sembrano la porta d’accesso della sua anima e di tutto ciò che ha straordinariamente vissuto. Così, per ieri pomeriggio ci siamo dati appuntamento perché ero spinto da un forte desiderio di conoscere meglio questa persona, piena di fascino e misteriosa nello stesso tempo, pur conservando uno straordinario atteggiamento di disponibilità e di equilibrio.

Non aggiungo altro, il resto della sua straordinaria vita, lo potrete ascoltare dalla sua voce nei due video che ho realizzato.

 Prima parte

Seconda parte

 

www.tuttocasarano.it

     

 

 

 

 

 

 

 
Era stato rapito il 12 ottobre. Parisi e D'Alema si congratulano con il Sismi
Afghanistan, Torsello è stato liberato
Sul sito di Peacereporter: «Trovato sulla strada per Kandahar, è già in mani italiane». Le prime parole: «Sto bene, vi amo tutti»
Gabriele Torsello (Ansa)
Gabriele Torsello (Ansa)
KABUL
- Dopo 23 giorni, l'incubo è finito. Gabriele Torsello, il fotoreporter italiano sequestrato il 12 ottobre nel sud dell'Afghanistan, è stato liberato. La conferma arriva dal ministero della Difesa e da Emergency con questo comunicato pubblicato sul sito di Peacereporter: «Oggi, venerdì 3 novembre, intorno alle 10 ora italiana (le 13.30 in Afghanistan) una telefonata all'ospedale di Emergency a Lashkar-Gah ha indicato che sulla strada per Kandahar si sarebbe potuto trovare Gabriele Torsello liberato. Un membro afgano dello staff di Emergency, viaggiando nella direzione indicata, ha trovato Gabriele Torsello e lo ha accompagnato da incaricati del governo italiano. Emergency ha immediatamente avvertito i familiari, il ministero degli Esteri e l'ambasciatore italiano a Kabul». Torsello ha telefonato a casa per salutare e rassicurare la famiglia ad Alessano, in provincia di Lecce: «Sto bene, sto bene, vi amo tutti», ha ripetuto ai genitori. Le sue prime parole sono state raccolte in una breve intervista dal sito Paece Reporter.


Audio: ascolta il suo racconto a Peace Reporter
Gli sms al padre: guarda
La gioia della famiglia Le tappe
AudioNicastro Video 1|2|Audio
Sismi, la rivincita di Pollari al Tg2

IL GOVERNO RINGRAZIA IL SISMI - Ottenuta la conferma del rilascio, il ministro della Difesa Arturo Parisi si è complimentato con il Sismi «per il decisivo contributo dato alla liberazione di Torsello». Soddisfazione anche nel commento di Massimo D'Alema, numero uno della diplomazia italiana. Il ministro degli Esteri ha anch'egli rivolto «un ringraziamento particolare al Sismi, che ha svolto un ruolo essenziale durante tutto il complesso evolversi della vicenda». I complimenti al Sismi e al suo direttore Pollari arrivano anche dal leader dell'opposizione Berlusconi. Che in una nota parla di «successo del nostro servizio militare, ancor più degno di rilievo se si pensa alla pressione e alle strumentalizzazioni delle quali il Sismi è stato fatto oggetto negli ultimi mesi». «Un ringraziamento particolare - sottolinea il premier Prodi in una nota - va alla Farnesina, al ministero della Difesa e a quanti, in questi lunghi giorni, hanno operato fattivamente per portare in salvo Torsello e restituirlo all'affetto dei suoi familiari e al suo lavoro». Anche il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha espresso «gioia e soddisfazione».
SABATO IN ITALIA Gabriele Torsello arriverà sabato mattina alle 9,30 all'aeroporto di Ciampino, presso il 46esimo Stormo dell'Aeronautica Militare. Fonti militari hanno però precisato che «l'orario di arrivo può variare, anche sensibilmente».

«NESSUN RISCATTO» - «Posso dire che è stato un negoziato lungo e difficile, ma non mi risulta che sia stato pagato alcun riscatto per la liberazione del fotoreporter italiano Gabriele Torsello», è quanto ha affermato Elisabetta Belloni, responsabile dell'unità di crisi della Farnesina.

LA SODDISFAZIONE DELL'INTELLIGENCE - La liberazione di Torsello «premia la linea del governo, della diplomazia e dell'intelligence». In ambienti dei servizi di sicurezza si commenta così la felice conclusione del sequestro del fotoreporter italiano. Il governo «ha mantenuto un atteggiamento di assoluta fermezza garantendo agli operativi sul posto l'autorevolezza necessaria per operare al meglio» e la rete del Sismi in Afghanistan «ha lavorato senza sosta in queste settimane per arrivare ad un buon esito della vicenda. È stato confermato - si dice negli ambienti dei 007- che i rapitori erano motivati più da ragioni economiche che politiche».

LA TELEFONATA - Segnali di ottimismo, sulla positiva conclusione del rapimento del freelance originario della Puglia, si sono registrati fin dalla mattina di venerdì. Ieri Torsello, dopo una decina di giorni di black out, si era fatto
sentire con una telefonata ad Emergency nella quale chiedeva del figlio.
 
 
 
04 novembre 2006

    

 

 

 

 

 14/09/07 La famiglia cresce in armonia grazie al metodo Suzuki. Di Maria Rosaria De Rocco

 

 

 

11/09/07 Beppe Grillo. Di Liborio Primiceri

 

 

 

 11/09/07 Una domanda a proposito di Forza Nuova

 

 

 

  08/09/07 A proposito di raccolta differenziata: vorrei un chiarimento. Il commento di Sergio Stefano>>

 

 

 

  07/09/07 Vita sotto assedio di un cronista a Palermo "Sotto scorta in una Sicilia senza onore"

 

 

 

  07/09/07 Il cronista è solo. Di Marco Travaglio

 

 

 

   05/09/07 Pit 9... Di Liborio Primiceri. (un commento)

 

 

 

 02/09/07 TEST

by ledicolantepazzo

 

2000 - 2007 www.tuttocasarano.it All rights reserved.