TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

  oggi vi segnaliamo il blog: genitori scuola salento

casarano

Diamo un'anima a questa città

 

 

di Eugenio Memmi

Casarano, 08/03/2008

 

Che cosa significa essere cittadini di questo comune? Qual è e quale dovrebbe essere il senso di appartenenza che ci unisce che vada oltre l’essere nati nello stesso luogo? Credo che oggi, in un mondo in continua evoluzione, dove le distanze si sono quasi del tutto annullate, non basta più essere nati nello stesso ospedale, e nello stesso confine per creare quel senso di appartenenza, di comunione, né basta essere tifosi di una squadra. Nell’attendere le vostre riflessioni in merito, io continuo la mia riflessione, per dare voce ad un bisogno che credo non sia solo mio. La vita che conduciamo oggi, sempre più frenetica, ci porta ad un isolamento sociale, e le occasioni serie di aggregazione dove far crescere il senso civico, culturale, sociale, non sono sufficienti.

La venuta di don Ciotti a Casarano il 5 marzo, ci ha fatto capire però che una strada sarebbe percorribile, che le occasioni di incontro si possono creare per discutere di ciò che ci sta a cuore. Don Ciotti, ha detto che il segreto delle sfide, sta nello stare insieme, nella condivisione di un ideale, nella forza del “NOI “ e non dell’”IO”. Casarano ha bisogno di NOI, di tutti quelli che hanno in comune il bene di questa città, al di là dei colori politici, del credo religioso, per creare quel tessuto umano e sociale che faccia da anticorpo a tutti i virus che attaccano la salute di questo nostro paese. E’ chiaro che bisogna darsi dei capisaldi su cui costruire tutto questo, e credo che per fare questo non si possa prescindere da ciò che don Ciotti ci ha trasmesso: legalità, legalità, legalità!

Partendo da questo, ci possiamo aggiungere tutto ciò che vogliamo, ma che non contrasti mai con la legalità.  Non sarà semplice, nè qualcosa che si può trovare in un negozio, possiamo solo provarci, imparare a capire cosa perseguire, e viverlo prima noi stessi, solo se faremo questo poi potremo diventare degli anticorpi efficaci.

Potremmo incontrarci periodicamente, per esempio ogni primo giovedì del mese, nell’auditorium comunale, con i temi da discutere scelti volta per volta, con la possibilità di interventi aperti a tutti. Lancio un appello a tutti, associazioni e cittadini, esprimete un parere a questa proposta, vediamo cosa possiamo fare insieme.

 

11/03/08 Caro Giuseppe non sono assolutamente d'accordo col tuo intervento riguardo il barlume di speranza che Eugenio con la sua proposta ci sta dando! Mi dici come si può creare qualcosa di buono se non si ha il coraggio di guardare in faccia gli errori amministrativi che vi sono a Casarano? non per fare politica, " anche perchè in un contesto del genere non c'è la vedo " ma credo fortemente che tutti noi facciamo scuola degli errori che commettiamo, un comportamento del genere credo che sia anche normale è naturale, quindi mi chiedo come si può creare un proposta di alternativa cittadina valida se non facciamo scuola degli errori che questa amministrazione compie, a mio modesto modo di vedere le cose, criticare apertamente senza nascondersi dietro uno schermo oppure dietro un falso nome, l'operato di qualcuno, è ripeto a mio modo di vedere, è la più alta forma di democrazia, se dietro a queste critiche poi si aggiungono più persone di vari schieramenti politici, religiosi e sociali, che insieme si trovano d'accordo su determinati contesti, tanto da avere il coraggio di metterci la faccia, li diventa la vittoria della democrazia sul clientelismo che aimè regna sovrano nella nostra società! Quindi caro Giuseppe, la proposta di Eugenio secondo me è fattibile se chiunque la sposa mette sul piatto quello che sogna per la nostra cittadina, senza aver la paura di guardare in faccia sia i propri di errori, tanto meno quelli amministrativi, solo cosi si avrà una solida base su cui partire, per avere in futuro quanto meno la speranza di migliorare la situazione socio-culturale-architettonica-ambientale a Casarano.

Un saluto.

Omar Sarcinella

ombradelvento@alice.it 

 

10/03/08 Caro Eugenio, condivido veramente in pieno la tua proposta, e spero che riusciremo ad organizzarci, e che queste parole non rimangano "appese per aria". Sono d' accordo con il Sign. Farina, che consiglia di vedersi almeno per i primi tempi più spesso; credo sia molto importante riunirsi quanti più possibile per raggiungere degli obiettivi comuni.
Io partirei già in quarta chiedendo a chi di competenza una sede per questi incontri, e lancerei proprio sul TuttoCasarano una proposta rivolta a tutti i cittadini chiedendo i punti che hanno più urgenza di essere discussi. Potremmo anche costituire un' associazione, in modo da far valere ancora di più le nostre idee. 

Ilenia De Matteis

superile88@libero.it 

 

10/03/08 Con entusiasmo aderisco alla proposta di Eugenio .
Però non iniziamo a dire di essere liberi pensatori, di mettersi in discussione in contrapposizione a qualcun altro , di voler controllare o interessarsi a quello che fanno gli altri o alcuni amministratori : così si fa solo politica e di  livello anche basso .

Io  credo , invece , che dovremmo iniziare ad avere noi una visione o un'idea diversa della nostra città , noi possiamo  proporre delle idee per una Casarano  migliore : iniziare per voler controllare o criticare qualcuno non penso sia una buona partenza .

Io , almeno all'inizio , proporrei di vedersi più spesso.

Giuseppe Farina

g.farina14@virgilio.it

 

 

 

10/03/08 Caro Eugenio, condivido l'analisi e la proposta.
Federico Lubello

federicolubello@gmail.com

 

 

 

09/03/08 Caro Eugenio, mi hai tolto la parola di bocca! Mentre leggevo il tuo messaggio sul dare un'anima alla nostra città pensavo proprio al fatto di poterci incontrare come cittadini, ma soprattutto come protagonisti della nostra storia, per discutere delle tante e tante faccende senza ritenerci schierati da nessuna parte, liberi da politica, religione e da frasi fatte e presupposti. Liberi pensatori! Legati da questa voglia di metterci in discussione e mettere in discussione gli altri senza paura di esprimersi.
Appoggio la proposta con entusiasmo!
Remo Tomasi

remotomasi@libero.it

 

 

09/03/08 Sono ancora una volta d'accordo con quel che dici Eugenio, e sposo volentieri la tua idea, bisogna cercare in qualsiasi modo di far smuovere il cittadino casaranese, fedelissimo al motto " armiamoci e partite " questa tua idea è un ottimo inizio, chi ha veramente a cuore il futuro della nostra cittadina, è moralmente obbligato ad uscire dalla massificazione che oggi regna sovrana, visto il degrado in cui Casarano è sprofondata; dobbiamo tutti insieme rimboccarci le maniche e farla rinascere, cominciando dall'interessarsi maggiormente a quello che i signori amministratori fanno all'interno del NOSTRO comune! Dobbiamo tenerli costantemente sulla corda per non fargli mai dimenticare che il loro primo dovere è quello di essere al servizio del cittadino e non tristemente  lontani come in questo periodo storico. La tua proposta di un incontro pubblico per vedere ciò che va e quello che non va, la trovo più che fattibile, e come ho detto prima è un bel modo per cominciare a darsi da fare!

Un saluto.

Omar Sarcinella

ombradelvento@alice.it 

 
 

 

Don Ciotti incontra gli studenti

La figlia di Renata Fonte

con un gruppo di alunni

Don Ciotti alle 18.30

incontra i cittadini

 

Il video dell'incontro con don Ciotti all'auditorium della Parrocchia Cuore Immacolato di Maria

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 www.tuttocasarano.it 

              

 

Verso il 15 marzo

XIII Giornata della memoria e dell'impegno

in ricordo delle vittime di mafia

Il 5 marzo Don Ciotti sarà a Casarano

 

Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini

 

 

www.astronomiacasarano.it

 

Percorsi d'Arte è in Via Matino, vieni a trovarci

 

 

  07/03/08 Cittadella della salute?dov'è finita?

Di A. Melileo

 

 

  05/03/08 "Scuola deviata": una lettera dalla provincia di Taranto; anche per don Ciotti

 

 

  05/03/08 La lettera "provocatoria" di Francesco De Vita consegnata ieri al ministro Chiti

 

 

  03/03/08 Ancora morti sul lavoro. Quattro vittime a Molfetta.

Di Omar Sarcinella

 

 

  02/03/08 In ricordo dell'on. Luigi Memmi

 

 

  02/03/08 Al caro Pino De Nuzzo.

Di Luciana

 

 

  01/03/08 Una battaglia di civiltà.

 

 

 01/03/08 E' morta l'infanzia.

Di Marta Melgiovanni 2 commenti

 

 

  29/02/08 Villa comunale: un bene da conservare e tutelare tutti insieme.

Di Simona Borgia

 

 

 29/02/08 Appello alla sovranità popolare.

Di Francesco De Vita

 

 

  28/02/08 Ciccio e Tore.

Di Liborio Primiceri e Rosario Scorrano

 

 

  26/02/08 Foibe: Azione Giovani risponde al sig. Miraglia e Panico

 

 

  26/02/08 Breve ed opportuna considerazione sulle Foibe.

Di Francesco Casciaro

 

 

  25/02/08 Riguardo le Foibe.

Di Emanuele Miraglia

 

 

  25/02/08 Foibe, inganno storico.

Di Andrea Panico

 

 

  24/02/08 A proposito del nuovo.

Di Gabriele Bastianutti

1 commento

 

 

  24/02/08 Aborto a Napoli, tutto secondo legge? Di Enrico Giuranno

 

 

 

 

2000 - 2008 www.tuttocasarano.it All rights reserved.