TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 Home page

 La vita Politica

 Lo sport

 Cultura

  Tutto città

 Informazioni turistiche

 La nostra E - mail

I giorni della Passione prima della Pasqua

 

 


Di Eugenio Memmi

Casarano, 06/04/2007

 

 

I giorni più forti della Settimana Santa: Giovedi e Venerdi Santo, giorni particolari per tutti i credenti in Gesù Cristo.

Giovedì Santo, dopo la messa della “lavanda dei piedi” e nel ricordo dell’ultima cena di Gesù con i suoi apostoli, le chiese “espongono gli altari della deposizione”.

Nella notte di questo Giovedì, la città si anima e vive la sua cristianità nella maniera più coinvolgente che si conosca, ogni altare diventa "casa aperta" e luogo di meditazione, le strade della città si affollano di giovani, anziani, in un tradizionale rito che si perde nella notte dei tempi ma che riesce sempre a rinnovarsi nel mistero della fede.

Anche ieri sera Casarano ha vissuto questa bellissima esperienza che lascia tutti comunque sorpresi per la capacità di coinvolgimento che questa celebrazione sa riproporre.

Questa sera, alle 17.00 verrà celebrata la cosiddetta “missa scerrata”, solenne funzione liturgica in ricordo della passione e morte di Gesù Cristo, alle 21.00 dalla chiesa dell’Immacolata inizierà nel suo tradizionale percorso la processione religiosa più sentita, quella del Venerdi Santo.

 

La Confraternita “Maria SS. Immacolata” invita tutti a partecipare alla Processione del Venerdì Santo.

In particolare, fa un appello caloroso:

Ø     ai confratelli che risultano iscritti, di riscoprire l’orgoglio di appartenere a questa antica e venerabile confraternita partecipando alla processione col proprio abito senza mozzetta celeste e con il cero in mano, simbolo della propria fede.

Ø     alle consorelle, che per antica tradizione non partecipano alla processione, di inserirsi nel coro delle “pie donne” per l’esecuzione del tradizionale Inno.

Ringrazia anticipatamente:

Ø     tutti i portatori che, con grande spirito di disponibilità e sacrificio, si accingono a trasportare le cinque statue nella processione;

Ø     gli abitanti che risiedono lungo il percorso perché il segno esteriore di addobbare le proprie abitazioni sia “segno interiore” della loro fede.

 

 

 

 

 

 

 

     www.tuttocasarano.it

         

 

 

 

03/04/07 Offerta urgente di lavoro da parte di Adecco di Lecce.

Si cerca una figura di Impiegato/a amministrativo/a contabile

 

 

 

 

31/03/07 Entro il 2008 saranno realizzate opere pubbliche per oltre 6 milioni di euro

 

 

 

 

31/03/07 In mostra nel chiostro comunale i progetti presentati per la riqualificazione di piazza San Domenico

 

 

 

 

30/03/07 La panchina dimenticata

 

 

 

03/02/07 CALCIO: 

Quando il  silenzio  

uccide,  la colpa  è di tutti.

di Eugenio Memmi

 

 

 

 

 

 

 

2000 - 2007 www.tuttocasarano.it All rights reserved.