TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

 

 

Tuteliamo la costa di Ugento con la creazione di un Parco Naturale

di Eugenio Memmi, Casarano  01/11/2005

 

Da Ugento giunge una richiesta di aiuto, il coordinamento Associazioni Pro – Parco ha bisogno del sostegno di tutti noi per la creazione di un parco naturale per tutelare, di quello che è rimasto, quella bellissima fascia costiera ricca di dune, bacini, pinete e macchia mediterranea, ormai inesorabilmente deturpata dalle colate di cemento. Questa nobile iniziativa ha bisogno del sostegno di tutti perché il mare, la pineta, la macchia mediterranea, ma la terra in generale è di tutti ed è nostro dovere cercare di tutelare quanto più possibile quelle zone particolari e delicate per l’ecosistema. In questo caso parliamo di Ugento perché ci sono tante persone che si stanno prodigando perché lo scempio non continui e la Regione inserisca questa zona nei siti di aree protette. Per fare questo c’è bisogno che ognuno per quello che può faccia la sua parte, cittadini, associazioni, rappresentanti politici. E’ necessario che la tutela dell’ambiente inizi ad avere maggiore coscienza in noi, si è perso troppo tempo, ed i ritardi favoriscono i furbi. I ritardi voluti sono quelli che hanno determinato le mancate adozioni di adeguati strumenti programmatici come i piani regolatori che dovrebbero servire allo sviluppo delle città nel rispetto di una crescita eco-sostenibile, poi ci sono i piani regolatori fatti “o non fatti” sotto la pressioni di lobby immobiliari che hanno interesse a costruire possibilmente proprio dove non si dovrebbe costruire.  Cerchiamo allora di sostenere l’iniziativa del Coordinamento Associazioni Pro – Parco che mi sembra una buona iniziativa prima che quello splendido tratto costiero non diventi un lontano ricordo. Auspico allo stesso modo la crescita di una cultura ambientale che protegga il nostro eco ambiente anch’esso bisognoso di attenzioni e di tutela visto i tanti danni realizzati in questi anni di abbandono. Questo 2005 sta per lasciarci con inequivocabili segnali di allarmi, come l’uragano Katrina con il conseguente abbandono di New Orleans, l’erosione drammatica delle spiagge salentine, l’innalzamento della temperatura terrestre causati prevalentemente da uno sviluppo incontrollato che se non regolamentato chissà a cosa ci porterà.

Intanto si continua a sottrarre vaste aree a questo delicato eco – sistema ugentino impoverendolo ulteriormente con la costruzione di nuove strutture ricettive che forse andrebbero fermate.

 

 

Lettera di presentazione del Coordinamento Associazioni Pro - Parco