TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 Home page

 La vita Politica

 Lo sport

 Cultura

  Tutto città

 Informazioni turistiche

 La nostra E - mail

Via Mattei, cimitero, piazza Tamigi


Di Eugenio Memmi

Casarano, 02/05/2007

 

Lo dice Vasco Rossi nella sua ultima canzone che basta poco per essere migliori, per essere in sintonia con le persone che si incontrano; ne sono convinto anch’io: basta veramente poco, basta essere semplici, così come si è, autentici, con i propri pregi e i propri difetti, la gente ci accetta, così come siamo. Quando invece cominciamo a indossare il personaggio che abbiamo in mente, di atteggiarci per ciò che non siamo, per interesse o per stupidità, anche questo la gente lo avverte e si-ci tiene a debita distanza. Ci etichetta: quello … non sa ascoltare, quello è uno stronzo, quello è un pirla, o un furbo, o un ladro, ect. ect.

Ci sono situazioni o sensazioni che un bravo politico dovrebbe saper cogliere, se ha a cuore ciò che fa, e cioè, capire quando la distanza fra se e i suoi cittadini è aumentata oltre la soglia fisiologica consentita. Secondo voi, qual è la distanza percepita dei cittadini con il “Palazzo comunale”? E voi amministratori quale percezione avete dei cittadini? Potrebbe anche essere l’opposto, e cioè, che gli amministratori non sentissero valutato nella giusta misura il loro impegno.

Tutto è possibile. Se così fosse, e se tutti siamo alla fine scontenti, amministrati e amministratori, di chi è la colpa? se di colpa si può parlare…

Comunque sia, oggi ho delle segnalazioni da fare, nella speranza che qualcuno, nella stanza dei bottoni, si adoperi per trovare una soluzione.

Iniziamo dalle strade, nei pressi di via Ruffano, subito dopo il circolo tennis, alcuni mesi fa sono stati cantierizzati dei lavori, rete fognante/idrica, si è fatto lo scavo per le tubazioni, si è ricoperto il tutto e asfaltato.

Tali opere iniziate in via Ruffano, hanno interessato anche via Londra, via Don Sturzo e via Mattei.

Le foto che ho fatto e che potete vedere, non rendono bene l’idea dello stato in cui versano queste strade. Comunque, nei mesi scorsi, alla fine dei lavori, passando spesso per quella strada per andare a trovare mia sorella, ho notato che per coprire il tratto di strada interessato dai lavori era stato usato una mescola di asfalto molto grossa, friabilissima, difatti dopo circa un mese, solo nel tratto di strada di via Ruffano sono state fatte delle nuove coperture con asfalto a mescola molto fine, uguale a quella preesistente.

Ora mi domando, perché questa nuova copertura è stata fatta solo in quel tratto di strada? Solo perché era più visibile? Perché ci passano tutti gli automobilisti che vanno o vengono da Ruffano? Via Londra, via Don Sturzo e via Mattei, non meritano lo stesso trattamento? Visto il pessimo stato dell’asfalto rifatto? Via Londra e via Don Sturzo, a mio modesto parere sono da rifare completamente, viste le disastrate condizioni generali, buche, sconnessioni, dislivelli, e chi più ne ha, più ne metta.

C’è un altro particolare da tenere presente, queste strade, dopo i lavori fatti, non sono state pulite con una certa cura, soprattutto via Mattei, ha urgente bisogno di essere pulita dai detriti, dalle erbacce, dalla terra rimasta dopo i lavori di canalizzazione effettuati e dallo sbriciolamento continuo dell’asfalto, solo che le varie richieste fatte dai cittadini non sono state ascoltate, così come ci riferisce nel video il sig. Luigi Fiorentino.

 
 - Dichiarazione sig. Fiorentino
 - Altra dichiarazione del sig. Fiorentino
       
Via Per Ruffano Via Don Sturzo Via Mattei Via Don Sturzo
       
Via Via Londra Via Mattei Via Mattei

Altra segnalazione.

Luogo: cimitero. Entrando nel cimitero, a sinistra subito dopo l’ossario trovano dimora per terra numerose lapidi, a parte una zona, che io chiamo la 167 di quel settore, dove fra una fila e l’altra di tombe non c’è nemmeno lo spazio per passare, bisogna appoggiarsi alle lapidi per non cadere vista la pericolosità della cementificazione calpestabile.

A parte questo, vi sono tantissime lapidi che ricevono la corrente elettrica tramite dei fili pendenti, alcuni scoperti, dove qualcuno potrebbe prendere la corrente, senza nessuna protezione. Le foto parlano molto chiaro! Credo che sia il caso di rimediare e con urgenza.

Zona 167 zona residenziale senza parole senza parole
       
626 "nuove disposizioni" volante è megio senza parole senza parole
       

Altra segnalazione, vi è una piazzetta a molti sconosciuta, si chiama piazza Tamigi, si trova nei pressi di via Tagliamento (una parallela della strada per Taurisano), molto carina, i cittadini ivi residenti, chiedono che in tale piazzetta venga installato un semplice cestino per la raccolta dei rifiuti.

Succede spesso che la sera, questa piazzetta venga utilizzata da diversi giovani per mangiare la pizza, bere un birra, non essendoci un cestino, buttano (incivilmente) per terra i cartoni delle pizze, le bottiglie, e cosi via. Tutto qui.

       
Piazza Tamigi      

 

A presto.

 

 

 

30/03/07 La panchina dimenticata

 

 

03/02/07 CALCIO: 

Quando il  silenzio  

uccide,  la colpa  è di tutti.

di Eugenio Memmi

 

 

 

30/01/07 Comunicato stampa dei tifosi del Casarano

 

 

 

 

 

 

 

2000 - 2007 www.tuttocasarano.it All rights reserved.