TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 Home page

 La vita Politica

 Lo sport

 Cultura

  Tutto città

 Informazioni turistiche

 La nostra E - mail

Lizzanello - 3

Casarano  - 0

 

 

Di Daniela Brogna

Casarano, 19/11/06

 

Gruppo Volley Lizzanello. Negli annali della storia della pallavolo salentina si scrive così. E si legge Piero Corvino. Un passato mai passato da fondatore, dirigente, giocatore fino all’ultimo dei suoi giorni, lo scorso anno, quando è stato stroncato da un male incurabile. Nello sguardo cupo del padre, oggi quasi ottantenne e ancora tifoso sui gradoni del neonato Palazzetto dello sport della cittadina poco a Sud di Lecce, i nipoti, il figlio di Piero e quello di Osvaldo, il genero, dirigente e segnapunti. Edil Gigante Lizzanello senza macchia, e mai una volta in serie C. Ripescato quest’estate, per il rotto della cuffia, per nobili deferenze di blasoni più recenti ma più altisonanti. Una Società sana. Appena le maglie uguali per gli atleti. Pochi soldi, tante soddisfazioni, come quella di battersi, coltello tra i denti, contro la Mastek Casarano, la favorita di questo campionato… Ma quale favorita? L’assenza di Laterza, impegnato sul lavoro per tutta la settimana e per gravi motivi di famiglia in questa giornata, ricorda alla Mastek che alla fine siamo sempre qui, i soliti, a rinnovar sfiducie. E infatti è subito Lizzanello, dal primo punto.

In una escalation che sbeffeggia la squadra ospite per tutta la durata del set. Ricezione nulla, regia scarsa, attacco neanche a parlarne. E gli alunni del Lizzanello superano subito la Mastek maestra, scesa probabilmente in campo per insegnare qualcosa a chi a scuola continua ad andarci tutti i giorni, dimostrando con umiltà e carattere che i nomi sulla carta contano ben poco. Per dovere di cronaca diremo che la fucina del Lizzanello ha sfornato in passato talentuosi che hanno calcato e calcano con onore i parquet della serie A, come Tony Martina, ma che a Lizzanello non hanno mai visto la serie C. Invece i talenti annebbiati della Mastek, che la serie B l’han vista bene, anche nella seconda frazione di gioco si impastrocchiano di continuo, facendo spessissimo i conti con muro, difesa e carattere. Non che il gioco brilli, da entrambe le parti, ma ove possibile rendendo ancora più opaca la prestazione degli ospiti, che crollano per la seconda volta.

Tardi, troppo tardi, quando nel terzo parziale la Mastek sale in cattedra per dar spettacolo delle proprie capacità; i padroni di casa sono già sotto la doccia con la vittoria in tasca e tra gli applausi del pubblico, lontani dagli indecorosi atteggiamenti verbali di qualche giocatore ospite mentre la partita si spegne. 3 a 0 e tutti a casa. La Mastek a leccarsi le vistose ferite. Dirigenza in primis. Che qui prende una lezione storica. “Qui chi ha chiesto soldi è andato a casa subito. Noi vogliamo cuore, non merce”. Così laconicamente commenta Vizzino, dirigente del Lizzanello, in un fugace scambio di idee a fine partita. E il cuore si è visto. Quello della Mastek no. In settimana si attende il ritorno di Laterza, e il DS Carbone durante la gara continuava a parlare al cellulare con qualcuno di cui ancora però non fa il nome. Le risposte in settimana, si spera almeno. Se non altro per trovare il modo di far capire a questo non-gruppo che il sabato si gioca. O meglio, tutti i sabato.

 

 

 

11/11/06 PALLAVOLO Casarano - Lecce 3 - 1

 

 

04/11/06 PALLAVOLO

Talsano - Mastek Casarano 3 - 0

 

 

28/10/06 PALLAVOLO:

 Mastek Casarano - 3

 Ostuni                  - 0

 

 

21/10/06 PALLAVOLO

 Cutrofiano  - 3

 Casarano    - 1

 

 

 

16/10/06 Pallavolo: Debutto amaro con il Calimera, ma senza tragedie

 

 

 

 

 

2000 - 2006 www.tuttocasarano.it All rights reserved.