TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

 LEDA SCHIRINZI INCONTRA I GIORNALISTI

di Eugenio Memmi, Casarano 12/03/04

 

 

Nel pomeriggio di oggi, nella sede dell’associazione Insieme per Rinascere, in via principe di Napoli, si è svolta la conferenza stampa indetta dalle tre associazioni del centro sinistra "Società Aperta Uniti per Casarano”, “Insieme per Rinascere” e “Progetto Città” per la presentazione ufficiale del loro candidato sindaco, la dottoressa Leda Schirinzi. Presenti ovviamente i vari coordinatori delle associazioni che al momento rappresentano la coalizione, Lillino Casto, Giovanni Coletta, Leonardo Colella, e Giovanni Bellissario che abbandonato lo SDI è oggi portavoce del candidato sindaco. Alla presenza dei diversi corrispondenti locali della carta stampata Leda Schirinzi ha prima spiegato i motivi che l’hanno spinta ad accettare il suo coinvolgimento diretto in questa esperienza politica e poi ha risposto alle diverse domande formulate.

Leda ha motivato la scelta di accettare tale candidatura principalmente per due motivi, il primo perché l’adozione da parte dell’attuale amministrazione del Prg, stravolto in quello che era la sua bozza originale, è stato fatto adottando un metodo che è stato tutt’altro che partecipativo, mortificando il dialogo con tutti coloro che avrebbero potuto offrire utili suggerimenti per una sua più ampia e accettata realizzazione.

Leda Schirinzi, rammenta i suoi valori, basati sulla solidarietà, la partecipazione, il rispetto delle regole, il senso di appartenenza con la società civile, valori propri del centro sinistra oggi poco rappresentati dall’attuale maggioranza che governa Casarano.

Alla domanda se corrisponda al vero che lei stia realizzando una sua lista per le prossime elezioni, la candidata sindaco ha risposto affermativamente, precludendo ovviamente i nomi perché ancora in fase di realizzazione.

A questo punto interviene Lillino Casto per un chiarimento per quanto riportato su www.tuttocasarano.it e firmato da Giannuzzo Antonio che lamentava l’aver presentato il candidato sindaco senza aver parlato di un programma;  tale affermazione non corrisponde al vero in quanto il programma nella sua bozza era stato presentato ai cittadini di Casarano nel Maggio 2003 in un’assemblea pubblica presso palazzo D’Elia con un questionario allegato dove si chiedeva ai cittadini i suggerimenti che ritenevano opportuno segnalare.

A turno a seconda delle domande sono intervenuti Leonardo Coltella, Giovanni Coletta e Giovanni Bellisario.

Si è comunicato che è in fase di realizzazione un sito internet dove i cittadini casaranesi potranno inviare i propri suggerimenti per la realizzazione del programma elettorale e interagire direttamente con il candidato sindaco.

Fra le domande non poteva non mancare il riferimento al ricordo del caro William sempre sotto tiro e facile argomento di strumentalizzazione. Leda, come già detto anche in tempi non sospetti, l’ultimo dei quali risale a circa un mese fa, chiede che William sia lasciato in pace, poichè William non avrebbe mai voluto che si parlasse di lui soprattutto per farne oggetto di polemiche.

A questo punto Giovanni Coletta prende la parola per sottolineare un concetto importante a tale proposito, Leda Schirinzi non va valutata o considerata come la vedova Ingrosso ma per ciò che essa è.

Lillino Casto, chiede ai suoi avversari politici di non fare politica di bassa lega, ma di confrontarsi sui programmi politici, amministrativi e non sulle strumentalizzazioni o sui pettegolezzi.

Giovanni Coletta alza il livello della critica nei confronti dell’amministrazione Venuti, paragonando il suo operato per il metodo seguito in questi cinque anni, lontano anni luce da un’amministrazione di centro sinistra, se è vero che sono state fatte 44 assunzioni tutte per chiamate diretta, e solamente una vigilessa è stata assunta con concorso, per non parlare di tutte le convenzioni esterne fatte allo stesso modo.

Alla domanda di una corrispondente se la presenza di una donna come candidato sindaco  potrà avere delle positive ripercussioni nel mondo femminile cittadino, Leda ovviamente risponde augurandosi di si; c’è bisogno in questo “mondo” di una maggiore partecipazione delle donne che hanno una visione ed una sensibilità diversa rispetto agli uomini. Tale partecipazione non va vista con un ottica antagonista ne tanto meno emularne i comportamenti, ma essere semplicemente donne.

Alla domanda se questa coalizione dividendo il centro sinistra avvantaggerà la destra, Leda Schirinzi risponde con un “probabilmente no” e comunque se tutto questo è nato è stato determinato solo dal comportamento avuto dalla giunta guidata da Venuti.

A chi ha chiesto se Leda Schirinzi non dovesse andare al ballottaggio se avesse appoggiato Venuti, la candidato sindaco non si è pronunciata, ha detto un sibillino “vedremo”.

Altra domanda; e se Venuti non si presentasse come sindaco, voi come vi comportereste? La risposta dei sostenitori è stata molto attenta specificando che possibili alleanze verranno accettate solamente tenendo presente programmi, ma soprattutto il metodo che si vuole perseguire per governare la città. Via via, il colloquio è entrato sempre più nello specifico dell’essenza della politica, violentata molte volte nella sua natura, se si intende per politica l’uso di quegli strumenti che servono solo per governare una città e non per fare gli interessi di pochi a discapito di molti.

A chi ci accusa di rappresentare il vecchio, unanimemente rispondono gli interessati, che il vecchio non è certo rappresentato dagli anni che uno ha ma dal modo di vedere ed intendere la politica.

Ad una mia domanda, se Leda dovesse essere eletta sindaco, avrà la possibilità di costruire una sua squadra nella massima libertà attingendo anche a persone che non avessero partecipato direttamente alla competizione elettorale, perchè magari restie alla competizione politica vera e propria ma comunque figure importanti sotto l'aspetto culturale e professionale utili per le proprie capacità alla realizzazione di una giunta qualificata, Leda ha risposto subito con una grande si, ritenendo tale aspetto fondamentale ed essenziale.