TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

 

 

No all'imposizione della TAV

PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA “Peppino Impastato” - Casarano - 08/12//2005

   rifondazionecasarano@tiscali.it

Notizia di queste ore è che le forme di contestazione e di protesta, nella val di Susa vengono volutamente sminuite paventando rischi di infiltrazioni estremistiche e riducendo il problema ad un mero problema di ordine pubblico; la strategia di questo governo scellerato è chiara e tutto sembra identico a “ieri” (Esempio lampante ne è Genova con via Tolemaide).

Il PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA “Peppino Impastato” di Casarano, in merito alle pacifiche battaglie contro la costruzione della TAV e contro la militarizzazione del territorio da parte delle forze di polizia dello stato italiano, esprime tutta la propria solidarietà alle popolazioni piemontesi della Val di Susa.

Ed inoltre chiede a tutti i lavoratori di aderire simbolicamente allo sciopero generale indetto per mercoledì 16 Novembre 2005 nella Val di Susa, ritardando l’ingresso nei propri posti di lavoro di 2 minuti, manifestando così la propria vicinanza al Popolo Piemontese.

 

 

 

 

LA TORCIA DELLA VERGOGNA

Casarano, 08 DIC 05 – Mercoledì 4 Gennaio p.v. sul suolo casaranese passerà la “torcia della vergogna”, la torcia olimpica, simbolo di pace, fratellanza e libertà, per le Olimpiadi invernali di Torino 2006 sarà sponsorizzata dalla coca cola (già da tempo sponsor del comitato olimpico).

 

Come molti sapranno da anni la coca cola è oggetto del boicottaggio da parte di milioni di persone in tutto il mondo per la sua politica antisindacale in Colombia, Messico, India e altri paesi.

Una politica antisindacale quella della coca cola che si caratterizza in Colombia con l'eliminazione fisica dei dirigenti sindacali del sindacato Sinaltrainal.

Il 7 Novembre scorso nel corso di una conferenza stampa alla presenza del Sindaco di Roma Walter Veltroni e di Nicola Raffa, amministratore delegato di coca cola Italia, la the coca cola company ha pubblicamente dichiarato di accettare una ispezione nei suoi impianti in Colombia, da parte di una commissione, che partirà entro marzo 2006 e che sarà composta da istituzioni, organizzazioni della società civile italiana e internazionale, con la partecipazione del sindacato colombiano SINALTRAINAL.

 

Un'importante risultato che non inficia in nessun modo la protesta contro l'abbianamento dello sponsor alla Torcia Olimpica.

Facciamo appello a tutti coloro che credono nella pratica del boicottaggio a promuovere iniziative di protesta contro coca cola  al passaggio della Torcia Olimpica, affinché sia chiaro a tutti che dietro il simbolo dei cinque cerchi si nasconde un'insieme di interessi economici.

Infine chiediamo al comune di Casarano, di assumere una posizione chiara contro questa sponsorizzazione.