TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

SUBITO IL DIFENSORE CIVICO

di Danilo Lupo, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 14/06/05

 

Nomina del Difensore civico, la Margherita fa pressing sul sindaco. Sabato scorso, infatti, i dirigenti della Margherita, ovvero il capogruppo consiliare Antonio Maggio e il presidente cittadino Claudio Casciaro, hanno preso carta e penna e ufficializzato la richiesta di accelerare i tempi per la nomina del «Robin Hood» comunale. Scaduto il mandato di Fedele Pisanò insieme a quello del consiglio comunale che l'ha eletto, infatti, il nuovo difensore civico attende di essere nominato da circa un anno. Un «blitz» fu tentato dal presidente del consiglio comunale Paolo Zompì, che ai primi di marzo iscrisse l'argomento all'ordine del giorno dell'assise cittadina, forse con l'intenzione di forzare la mano del Consiglio alla nomina. Quel tentativo, però, non fu coronato da successo e dell'elezione del difensore civico non si è parlato più. Fino a sabato scorso quando il partito della Margherita ha inviato una lettera al sindaco Remigio Venuti, nella sua qualità di garante dell'intera coalizione; oggetto: proprio l'elezione del «Robin Hood» dei cittadini. «Abbiamo chiesto al sindaco - spiega il capogruppo Maggio - di fare tutti i passi necessari per arrivare all'iscrizione all'ordine del giorno del Consiglio di questo importante argomento». I «passi necessari» consisterebbero sostanzialmente nel bando pubblico per la selezione sul quale nel consiglio comunale del marzo scorso avevano convenuto sia maggioranza che opposizione con l'eccezione del consigliere di 20 di Libertà Attilio De Marco, che aveva proposto oltre al bando pubblico un referendum popolare consultivo sull'argomento. La richiesta al sindaco però non è solo di tipo burocratico, ma è ben più politica. «Il sindaco si dovrebbe attivare - continua Maggio - per ricercare la convergenza di tutte le forze politiche, quanto meno per individuare dei criteri condivisi nella nomina di questa importante figura di garanzia». Criteri sui quali Maggio ha un'idea precisa. «La prima caratterisitica - afferma - riguarda la dedizione e l'impegno nello svolgimento della funzione e quindi la disponibilità di tempo da dedicare a questo compito a stretto contatto con i cittadini». Un parametro a prima vista neutro, che però, spinto alle estreme conseguenze potrebbe comportare l'esclusione dalla rosa dei papabili degli avvocati particolarmente impegnati nella loro attività professionale. Di tempi per la nomina ancora non si parla, ma c'è da scommettere che l'argomento terrà banco nei corridoi del prossimo consiglio comunale, convocato per giovedì prossimo alle 9 con un solo punto all'ordine del giorno: «emissione di un prestito obbligazionario comunale per un importo complessivo di 12 milioni di euro».