TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

"VARIE ED EVENTUALI" SUL TOTO NOMI ALLE PROSSIME ELEZIONI REGIONALI

di Enzo Schiavano, dal Quotidiano del 16/01/05

 

Si stringono i tempi per definire le candidature alla prossime elezioni Regionali, in programma il 3 e 4 aprile. Le segreterie provinciali dei principali partiti politici, sia del centro-destra che del centro-sinistra, sembrano guardare con attenzione a Casarano. E’ di ieri infatti l’indiscrezione, scaturita a margine del seminario di studi sui fondi comunitari, organizzato presso l’Auditorium comunale, dove erano presenti i vertici provinciali della casa delle Libertà, che Forza Italia è alla ricerca di un candidato casaranese da inserire nella propria lista. Non è da escludere nemmeno l’inserimento nella lista personale (se ci sarà) di Raffaele Fitto di una personalità “delusa dal centro-sinistra”, come ha spesso detto lo stesso “Governatore”.

Nello schieramento opposto, l’altra indiscrezione riguarda Fernando Schiavano, uno degli esponenti più in vista dell’Udeur. Fallita l’elezione al Consiglio Provinciale, l’ex democristiano potrebbe ambire ad un‘operazione apparentemente più difficile, ossia diventare consigliere regionale. Prosegue, intanto, il serrato dibattito nella Margherita, dove è ancora incerto il nome del candidato casaranese nella lista per le Regionali. Da segnalare una nota di Antonio Memmi, l’assessore ai Servizi Sociali, che insieme al vice-sindaco Gabriele Caputo e al consigliere provinciale Claudio Casciaro è in ballottaggio per diventare il candidato casaranese della Margherita.

“Mi fa piacere che il Presidente della Margherita di Casarano – scrive Memmi riferendosi a Casciaro – scopra a meno di 50 giorni dall’avvio della campagna elettorale il ruolo della Regione per le sorti della nostra città. Personalmente – prosegue l’assessore – sono cose che dico da anni e che ripeto da mesi e noto oggi che almeno le sigle dei tanti strumenti regionali sono state memorizzate”. Sulla proposta di primarie lanciata da Caputo, Memmi ricorda che “le primarie hanno un senso nel momento in cui vi sono più disponibilità palesate ad essere candidato e, allo stato, non mi risultano altre candidature espresse all’interno del partito”.