TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

Il segretario cittadino, Fernando Schiavano,

illustra i rapporti del partito con il sindaco e ne scaturisce una richiesta

UDEUR UN POSTO IN GIUNTA

 

di Danilo Lupo, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 01/06/05

 

 

«Aspettiamo un gesto di buona volontà». Con questa espressione sfumata il segretario cittadino dell'Udeur, Fernando Schiavano, spiega i rapporti che legano il partito del Campanile all'amministrazione guidata da Remigio Venuti. Dalla giunta Venuti l'Udeur è rimasta fuori ed è facile pensare che «il gesto di buona volontà» si riferisca a questa questione, ma Schiavano nega che la questione riguardi posti di potere. «Vogliamo dare il nostro contributo alla realizzazione del programma elettorale - afferma - e l'essere tagliati fuori dalle responsabilità amministrative ci mette oggettivamente in difficoltà». Eppure una carica importante come la presidenza del consiglio comunale è stata attribuita all'Udeur. «Com'è evidente, il presidente è eletto dal consiglio comunale: non è una carica che discende dall'amministrazione o dalla maggioranza, a maggior ragione visto che l'attuale presidente è stato eletto con i voti determinanti dell'opposizione. Questa carica, insomma, non toglie niente alle difficoltà del mio partito». Viste queste «difficoltà», come si pone l'Udeur nei confronto dell'amministrazione e della maggioranza di centrosinistra? «Io veramente non ho rapporti con il sindaco e l'amministrazione. Partecipo e dò il mio contributo alle riunioni della maggioranza, ma il sindaco non ha mai incontrato i segretari dei partiti. In realtà mi sembra che più che intessere rapporti di carattere politico il primo cittadino finora abbia cercato il rapporto personale con i singoli consiglieri». Cosa si aspetta, allora, dal sindaco e dall'amministrazione? «Un gesto di buona volontà dell'amministrazione sarebbe opportuno. Sarei molto contento se avessi convocazioni da parte del sindaco su temi specifici di interesse per i cittadini. Molte cose le apprendo dai giornali e ai giornalisti devo dire grazie». Questo significa che i partiti non partecipano alle scelte amministrative? «I partiti purtroppo sono diventati o succubi delle amministrazioni o semplici comitati elettorali. Io mi trovo in difficoltà in entrambi i ruoli». Veramente il presidente del consiglio Paolo Zompì, ha parlato sulla Gazzetta di «gestione bulgara» del partito e ha chiesto l'intervento degli organi provinciali: come risponde? «Si discuterà nel partito e in quella sede vedremo di valutare il tutto. Di certo c'è da fare una riflessione sui programmi che intende portare avanti l'Udeur: lo scontro sulle persone non mi ha mai entusiasmato».