TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

La giunta comunale ha approvato la delibera per acquistare

il software necessario

C'è la carta d'identità elettronica

di Danilo Lupo, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 31/03/05

 

 

Arriva in Comune la carta d'identità elettronica. Nei giorni scorsi, infatti, la giunta municipale ha approvato una delibera preliminare per acquistare il software necessario alla «rivoluzione informatica» applicata ai documenti di riconoscimento. In base alle disposizioni del Ministero dell'Interno, anche il settore dei Servizi demografici del Comune di Casarano si sta dotando della nuova procedura per rilasciare le carte d'identità elettroniche; il nuovo documento digitale sarà molto simile ad una scheda «sim» per cellulari: si tratta di una smart card dotata di un microprocessore che conterrà tutte le informazioni del cittadino incorporato in una scheda plastificata, dotata della foto dell'interessato. Tutte le informazioni relative al cittadino, quindi, dai dati anagrafici alle informazioni relative allo stato di famiglia, saranno, dunque, leggibili attraverso un apposito computer. Le procedure informatiche per arrivare a questo traguardo, però, sono tutt'altro che semplici; per questa ragione il Comune di Casarano ha deciso di accettare l'offerta di Telecom Italia, che l'azienda di telecomunicazioni ha voluto chiamare «Identity». Il progetto costerà circa 90 milioni di vecchie lire (38.312 euro più gli oneri fiscali) e comprende l'acquisto di una serie di attrezzature informatiche, dai software necessari per accedere al sistema centrale del Ministero dell'Interno alle varie apparecchiature hardware per stampare le nuove carte d'identità elettroniche. Una curiosità: i circa 90 milioni di vecchie lire necessari a finanziare il progetto saranno pagati dal Comune attraverso il meccanismo del leasing applicato alla bolletta telefonica, che vedrà un aumento (per le prossime 30 bollette) di 1.521 euro