TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

 

 

La formazione professionale entra fra le attività istituzionali del Comune, così ha stabilito l'ultimo Consiglio Comunale.

di Enzo Schiavano, dal Nuovo Quotidiano di Lecce,  09/07/2005

 

 

La formazione professionale entra ufficialmente tra le attività istituzionali del Comune di Casarano. Lo ha stabilito il Consiglio Comunale, nella sessione di ieri mattina, approvando all’unanimità una specifica modifica allo Statuto. I consiglieri comunali hanno introdotto l’art. 9-bis alla Carta civica fondamentale, dando atto che le attività di formazione professionale rientrano tra le modalità di intervento del Comune nell’ambito delle politiche di sviluppo locale. Insieme al centro-sinistra, hanno votato a favore anche i consiglieri di minoranza presenti (Claudio Bastianutti, Attilio De Marco e Leda Schirinzi), permettendo di garantire la maggioranza qualificata necessaria per modificare lo Statuto e dimostrando senso di responsabilità.

L’assemblea cittadina ha inoltre approvato, a maggioranza, tutti gli altri punti all’ordine del giorno, anche se non sono mancate le difficoltà per garantire il numero legale (11), soprattutto nelle prime ore dei lavori per le consuete assenze tra i banchi del centro-sinistra. Si continua ad assistere, purtroppo, ad assenze ripetitive di consiglieri, sia di maggioranza che di opposizione, che non rispettano il mandato ricevuto dagli elettori. Interessante, per i risvolti politici all’interno dell’Udeur, partito di maggioranza, l’argomento riguardante una modifica al Regolamento di funzionamento delle commissioni comunali che permette al presidente dell’assemblea cittadina di parteciparvi come membro di diritto.

La proposta, che era stata avanzata dal presidente pro-tempore Paolo Zompì (Udeur), è stata approvata, ma il consigliere Amedeo Sabato, compagno di partito di Zompì, ha votato contro.

Secondo l’esponente dell’Udeur, sullo Statuto sarebbe opportuno “fare un lavoro più organico, evitando di mettere una toppa ogni tanto”.