TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

ISTANZA PER  EMISSIONE ORDINANZA DI RIMOZIONE

Casarano 28/02/05

 

ILL.MO COMUNE DI CASARANO

 

I sig.ri:

-         dott. Giuseppe Augusto Nuccio, nella espressa qualità di segretario cittadino di UDC Sezione di Casarano;

-         Pino Stefania, residente in Casarano alla via G.C.Vanini n°36, in qualità di promotrice di una petizione sottoscritta da n°167 cittadini casaranesi che, in copia, si allega alla presente

PREMESSO

-         che, come da D.I.A. del 18/09/2003 in base al D. LGS. n° 198/2002, PROT. U/DA6/4758/2003, la H3G S.p.a. ha proceduto alla realizzazione, in  Via Vittorio Emanuele n° 49 (Palazzo Felline), di una base-radio UMTS per telefonia mobile;

-         che il Consiglio di Stato, in seguito a ricorso presentato dal Comune di Tricase contro T.I.M. S.p.a., ha equiparando l’altezza delle antenne a quella delle costruzioni, quindi, ha ritenendo applicabile il corpo regolamentare contenuto nel  Piano di Fabbricazione;

-         che la predetta normativa prevede, per le costruzioni nel centro storico, un’altezza massima mantenuta nel rapporto di 3/2 con la larghezza stradale e comunque non superiore a 12 metri lineari;

-         che in virtù dell’art. 10 della Legge della Regione Puglia 8/3/2002 n. 5 – BURP n.32 dell’ 11/3/2002 – rubricato come “Divieti”, è vietata l’istallazione di impianti in aree classificate di interesse storico o architettonico, nonchè in aree di pregio storico, culturale e testimoniale (l’area in cui è stato istallato il sistema radio è considerata centro storico,quindi tutelato dalla predetta normativa);

-         che da quanto premesso pare evidente che l’intero impianto è da considerarsi non in conformità della normativa vigente;

-         che, in virtù dell’ art. 31 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 (in Suppl. ordinario n. 239 alla Gazz. Uff., 20 ottobre, n. 245). - Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia – in presenza di  interventi eseguiti in assenza di permesso di costruire, in totale difformità o con variazioni essenziali (legge 28 febbraio 1985, n. 47, art. 7; decreto-legge 23 aprile 1985, n. 146, art. 2, convertito, con modificazioni, in legge 21 giugno 1985, n. 298; decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, articoli 107 e 109) Il dirigente o il responsabile del competente ufficio comunale ingiunge al proprietario e al responsabile dell'abuso la rimozione o la demolizione, indicando nel provvedimento l'area che viene acquisita di diritto, ai sensi del comma 3;

-         che il Co. 3 del predetto decreto prevede: ”Se il responsabile dell'abuso non provvede alla demolizione e al ripristino dello stato dei luoghi nel termine di novanta giorni dall'ingiunzione, il bene e l'area di sedime, nonché quella necessaria, secondo le vigenti prescrizioni urbanistiche, alla realizzazione di opere analoghe a quelle abusive sono acquisiti di diritto gratuitamente al patrimonio del comune”;

-         che da notizie diffuse dalla stampa locale  l’ill.mo sig. Sig. Sindaco del Comune di Casarano risulta nell’erronea convinzione che l’impianto della H3G S.p.a è disattivato in attesa di giudizio;

-         che dal servizio automatico d’informazione sulla copertura di rete (All. 2), servizio proposto direttamente dalla H3G S.p.a., si evince che l’ istallazione è ancora attiva;

-         che per ragioni di completezza è opportuno sottolineare che tali impianti, come ben evidenziato dalla relazione sugli “EFFETTI FISIOLOGICI ED AMBIENTALI DELLE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE NON IONIZZANTI”,(All.3) presentata all’ill.mo Parlamento Europeo (P.E. n° 297.574 marzo 2001) da Direzione generale degli studi – Direzione A – STOA – UFFICIO PER LA VALUTAZIONE DELLE SCELTE SCIENTIFICHE E TECNOLOGICHE, costituiscono una fonte di inquinamento insidioso e, pertanto, danno seguito a gravissime patologie neuro-degenerative;

Tutto ciò premesso, i sig.ri Nuccio e Pino, nelle qualità di cui sopra propongono formale

ISTANZA

affinchè, nel voler in primis tutelare la salute dei residenti nella zona interessata, piaccia all’Ill.mo Sig. Sindaco prendere con urgenza provvedimenti, ordinando anche la rimozione, della base-radio UMTS per telefonia mobile di proprietà di H3G S.p.a., realizzata in Via Vittorio Emanuele n° 49 (Palazzo Felline).

Casarano, 28 febbraio  2005.

Dott. Giuseppe Augusto Nuccio

giuseppenuccio2@virgilio.it

 

Sig.ra Stefania Pino