TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

SPORTELLO AGRICOLO CHIUSO: I DUBBI DI ALLEANZA DEMOCRATICA

di Danilo Lupo, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 10/04/05

 

 

Sportello agricolo, Azione Democratica bacchetta il sindaco Remigio Venuti. «Lascia quanto meno perplessi la decisione dell’amministrazione comunale di sopprimere lo sportello agricolo»: questa la presa di posizione dell’associazione guidata da Patrizia Carlino. In un comunicato stampa dell’associazione di centrosinistra (i cui componenti però si contrapposero nelle elezioni comunali alla candidatura di Venuti), si parla di «motivazioni, insufficienti e pretestuose, derivanti da “problemi politici nella maggioranza” (così si e’ espresso il sindaco), che la dicono lunga sul modo di essere di questa amministrazione». Il servizio di informazione e consulenza agli operatori del mondo agricolo e agroalimentare, secondo Azione Democratica, è utile soprattutto in relazione al momento attuale «in cui Casarano – si legge nella nota – vive una crisi profonda del suo apparato produttivo tradizionale (Tac). Ci sarebbe bisogno di incentivare un settore, quale quello dell’agricoltura che, specializzandosi e qualificandosi potrebbe essere un’ alternativa, anche se non risolutiva, alla drammatica crisi in atto. Pertanto invece di chiudere lo sportello agricolo si tratterebbe di potenziarlo, inserendo nuove competenze, capaci di rendere un servizio reale agli operatori del settore». Azione Democratica chiede quindi all’amministrazione in primo luogo a Venuti di chiarire «le motivazioni reali della chiusura, a meno che, visto la prassi adottata dall’amministrazione, per problemi politici non si intenda qualche ulteriore spartizione, magari per tenere buono qualche consigliere di maggioranza». Va detto, però, che il sindaco aveva già replicato agli analoghi appunti mossi da Mario Cortese (uno dei due professionisti che gestiva il servizio) smentendo ogni ipotesi di chiusura dello sportello. «E’ uno strumento che continuiamo a ritenere utile – secondo Venuti – e che intendiamo rilanciare, in considerazione delle disfunzioni, anche relative all’apertura dello sportello, che abbiamo verificato nella scorsa convenzione». Venuti, tra l’altro, aveva confermato che sulla gestione dello sportello era stato presentato un progetto particolareggiato da parte della Confederazione italiana agricoltori.