TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

SUPER INDENNITA' A DIRIGENTE PENSIONATO, LA FERSINO ATTACCA IL BILANCIO

 

di Danilo Lupo, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 01/06/05

 

 

«Un dirigente al prezzo di due». Con questo slogan si potrebbe riassumere l'attacco che la coordinatrice di Forza Italia, Francesca Fersino, porta all'amministrazione collegandosi all'ultimo consiglio comunale, che ha visto bocciare tutti gli emendamenti dell'opposizione. «In quell'occasione - dice la coordinatrice azzurra - il sindaco si è trincerato dietro la mancanza di risorse disponibili: ma a questa favola, raccontata dal sindaco e dall'assessore Caputo, noi non crediamo». I fondi per finanziare gli emendamenti delle opposizioni non erano difficili da trovare, a giudizio di Forza Italia: bastava attingere dal capitolo delle convenzioni con personale esterno. «Pensiamo a quello che si spende attualmente per avere un addetto stampa», dice la signora Fersino, che però riserva l'affondo più duro ad un'altra delibera, che riguarda un dirigente degli uffici di Palazzo dei Domenicani. «Un'indennità ad personam - spiega - di 23.000 euro, che si aggiunge allo stipendio più che adeguato, pari a circa 1500 euro al mese, che un dirigente di ottavo livello percepisce». La coordinatrice azzurra cita la delibera che ha istituito l'indennità, che viene motivata in base alla specifica preparazione professionale e culturale, anche in considerazione della temporaneità del rapporto e delle condizioni attuali di mercato. «Ma non conosco i metodi che si utilizzano per misurare la cultura di un addetto o dirigente - ironizza la signora Fersino - né so se esiste un listino per monitorare le condizioni di mercato. Di sicuro, però, anziché spendere un doppio stipendio per un solo dirigente, tra l'altro pensionato, meglio sarebbe stato pensare a tutti quei giovani neolaureati che hanno segnalato la loro disponibilità e con un solo stipendio a svolgere lo stesso lavoro». Anche perchè, fa notare ancora la coordinatrice azzurra, se un ragazzo neolaureato non inizia a fare la propria esperienza quando mai si inserirà nel mondo del lavoro? La risposta, per la Fersino, è netta. «Si potevano avere due dirigenti al prezzo di uno -afferma - o, meglio ancora, dirottare i fondi dell'indennità ad personam su qualcuna delle proposte dell'opposizione». Per realizzare le quali, conclude la coordinatrice di Forza Italia, non mancano le risorse «ma la sensibilità dell'amministrazione».