TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

www.beppegrillo.it

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

Regionali, le candidature agitano il Centro. L'Udeur avrà un rappresentante locale, molti pretendenti nella Margherita

Caputo e Memmi su posizioni contrapposte. Critiche al partito

di Danilo Lupo, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 23/01/05

 

 

Regionali, bolle la pentola di centro: mentre si fa insistente la voce di un candidato locale nella lista dell'Udeur, forse lo stesso segretario cittadino Fernando Schiavano, gli occhi sono puntati sulla Margherita, unico partito che certamente avrà un proprio concorrente nella corsa per Bari. Ma chi sarà? È nota la disponibilità dell'assessore Antonio Memmi, che però non sembra entusiasmare il vicesindaco (e compagno di partito) Gabriele Caputo: molti dicono che Caputo, più che per sé, tiri la volata al presidente cittadino e consigliere provinciale Claudio Casciaro. Le novità potrebbero arrivare già dopodomani, quando il partito di Rutelli si chiuderà in conclave. A quell'appuntamento Memmi si presenterà con una serie di critiche politiche che anticipa alla Gazzetta e che non risparmiano nessuno: dai dirigenti locali del suo partito, fino al coordinatore provinciale Gigi Nestola e al deputato Lorenzo Ria. «La mia disponibilità oggi è meno certa di ieri» premette Memmi che spiega che per una campagna elettorale «bisogna costruire per tempo una pianificazione, una strategia delle risorse finanziarie: su questo la Margherita è molto in ritardo». Memmi fa riferimento ad una recente dichiarazione di Nestola, in cui anticipava la possibile candidatura di Casciaro. «Eppure il partito cittadino non ne ha mai discusso ? dice l'assessore ? questo significa che c'è quanto meno improvvisazione». Casarano è una delle roccaforti del partito, eppure a questa forza elettorale non corrisponderebbe una strategia politica. «Basta vedere la figuraccia rimediata domenica scorsa - afferma Memmi - con la vittoria di Vendola anche a Casarano». L'assessore tira per la giacchetta anche Ria: «Siamo stati determinanti per lui - dice - sia nei due mandati alla Provincia che nell'elezione alla Camera: sarebbe giusto un ritorno politico in questa circostanza». Memmi dichiara che non farà barricate sulla propria candidatura. «Ma chiunque sia il candidato - afferma - Casarano deve avere suoi rappresentanti: Matino ha un senatore, Taviano un deputato, Melissano un consigliere regionale. Noi invece esprimiamo solo un sindaco: un uomo solo al comando che per di più è dei Ds, mentre il primo partito cittadino, la Margherita, ha molti uomini ma è privo di una strategia politica». Sarà per questo che ieri sera Memmi ha chiacchierato a lungo con il presidente Fitto? L'assessore smentisce cambi di campo, ma aggiunge sibillino: «Certo però che a lui mi accomuna un'antica militanza nella Dc. Mentre Vendola non è facile da far digerire ad un ex democristiano».