TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 Home page

 La vita Politica

 Lo sport

 Cultura

  Tutto città

 Informazioni turistiche

 La nostra E - mail

Da tre settimane nessun aggiornamento del monitoraggio sull’elettrosmog

Casarano, centraline mute

L’Area sistema si ribella contro la Vodafone

 

 

di Danilo Lupo

Dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 14/04/2007

 

Centraline oscurate, “colpa” della Vodafone. Da giorni la polemica rimbalzava sul web, ma ora arriva l’ufficializzazione del disservizio con una nota stampa di Area Sistema, il consorzio di comuni (con capofila Casarano) che è il committente del progetto di monitoraggio sull'elettrosmog grazie al quale 16 centraline di monitoraggio elettromagnetico sono state impiantate in città (come pure negli altri comuni ricadenti nell’Area Sistema) dalla Tek-Up, azienda emiliana specializzata nel settore, per rilevare le emissioni prodotte dai ripetitori telefonici e le eventuali situazioni di criticità. Peccato però che da quasi tre settimane i risultati delle centraline, consultabili on line attraverso il sito www.comune. casarano.le.it, non siano visibili. «Il disservizio, imputabile al gestore Vodafone, dura dal 26 marzo scorso a tutt'oggi - spiega la nota stampa - nonostante le ripetute sollecitazioni a porvi rimedio da parte della Tek-Up, che ha informato del problema Area Sistema sottolineando di essere “ancora in attesa di una risoluzione del problema da parte del gestore Vodafone”. Alle pressioni di Tek-Up si uniscono adesso anche le sollecitazioni di Remigio Venuti, sindaco di Casarano e presidente di Area Sistema - prosegue la nota - che sottolinea come il monitoraggio dei campi elettromagnetici sia uno degli asset fondamentali e irrinunciabili della tutela e salvaguardia della salute dei cittadini e come l’impossibilità di visualizzare i dati relativi possa ritardare quelle azioni che si rendessero necessarie». Fin qui le dichiarazioni, anche se è bene rilevare la clamorosa circostanza, finora ignota, che vede la Vodafone nella doppia veste di controllore e controllato, essendo al tempo stesso il gestore del sistema di monitoraggio elettromagnetico e una delle compagnie di cui il monitoraggio deve occuparsi. È bene ricordare infatti che le sedici centraline in città sono tutte localizzate in prossimità di antenne telefoniche; ecco i siti: il Liceo scientifico “Vanini” di via Reno, l’Istituto industriale “Meucci ” in viale Ferrari, l’Istituto professionale “Bot - tazzi” di via Napoli, l’Istituto comprensivo “Po l o 1” di via Ruffano, l’Istituto comprensivo “Lidia Morgante ” di via IV Novembre, la Scuola materna comunale “San Giovanni Elemosiniere” di via Cavour, l’Asilo nido di via Agnesi, l’Istituto comprensivo “Polo 3” di piazza San Domenico, il complesso “Euroitalia ” (che ospita anche una casa di cura), il pallone tensostatico di Contrada Pietrabianca, il mercato coperto di contrada “Botte ”, la parrocchia del Sacro Cuore di Gesù di via Matino, un’abitazione privata in contrada “Stesa ”, la “Fondazione Filograna” di viale De Matteis, il Tribunale di viale Stazione e un’abitazione privata in via Duca d’Aosta . 

 

www.tuttocasarano.it 

         

 

 

14/04/07 Nella realizzazione della Tangenziale i "Verdi" chiedono maggiore tutela del territorio

 

 

14/04/07 Il "Lions Club" organizza per domenica 15 aprile una serata di beneficenza

 

 

05/04/07 Nonnini di Parabita in rivolta

 

 

 

 

 

2000 - 2007 www.tuttocasarano.it All rights reserved.