Il piacere puo' fondarsi sull'illusione, ma la felicita' riposa sulla verita'  (Anonimo americano)

 

 

 

 

 TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

  oggi vi segnaliamo il blog: genitori scuola salento

Ivan De Masi

Radiofarmaci: comunicato Forza Italia

 

 

 

Di Giampiero Marrela

Capogruppo Consiliare  F.L. - P.D.L.

Casarano, 11/12/08

 

 

Approfitto dell’animato dibattito sviluppatosi in queste settimane, nonostante i tanti tentativi di censura, riguardante la costruzione dell’impianto per la produzione dell’ormai popolare  radiofarmaco  18FDG (fluorodiossiglucosio),   per ringraziare  la società Itelpharma di Ruvo di Puglia del fattivo  contributo apportato con la sua lettera chiarificatrice ed integrativa di quanto già dibattuto nelle varie sedi istituzionali,  per la puntualità dei dati e per la qualità della riflessione proposta  in quanto,  anche alla luce di questa loro precisazione,  mi si rivela ancor più ipocrita la presunzione di innovazione tecnologica che il consorzio Radion con la Sparkle capofila insieme all’Amministrazione Comunale, osano proporre per questo tipo di impianto sul territorio di Casarano.

Invero,  ciò che più mi inquieta è l’assoluta indifferenza con cui tale contributo è stato eluso!

Tanto infatti la popolazione si attendeva in termini di rassicurazioni e garanzie sia dall’amministrazione comunale sia anche dalla società committente, la quale anch’essa si è sottratta ad ogni forma di replica.

QUINDI ?

Dobbiamo riconoscere il carattere di verità a quanto scritto dalla Itelpharma che si somma alle numerose, singolari,  realtà oggettive emerse in questo periodo.

Allarmati dunque dall’assenza di replica,  siamo costretti ad assumere la regola del silenzio assenso,  pertanto riteniamo tutto quanto esposto dalla stessa Itelpharma di Ruvo di Puglia assolutamente veritiero !

E senza volermi addentrare nello specifico delle numerose illegittimità, violazioni e carenze emerse poiché di questo si stanno interessando gli organi competenti,  tuttavia è opportuno ricordarne solo alcune come:

- la violazione e  falsa applicazione del piano sanitario della regione Puglia, nella parte in cui si prevedono impianti  che possono utilizzare tali prodotti;

- violazione delle più elementari norme procedurali sui Por Puglia 2000/2006 ;

- violazione ai bandi Pia/ Pit con particolare riferimento al Pit n.9  e ancora falsa e riciclata  documentazione prodotta in quanto si sono utilizzati atti istruttori ed elaborati tecnici relativi allo stesso progetto ma da allocare inizialmente in altro comune;

- assenza di relazioni ambientali e sanitarie o meglio quelle esistente sono state riciclate da altro comune e da altra ASL;

- assenza del parere obbligatorio dei VV. FF.

Dunque chiediamoci tutti se il fatto di non perdere il treno dei finanziamenti pubblici a fondo perduto oltre ad alterare il principio della concorrenza,  possa giustificare cosi tanta superficialità e pressapochismo verso un impianto del tutto inutile e soprattutto potenzialmente pericoloso.

Ma se tecnologia ampiamente superata, inutilità  e dubbiosità procedurali, per usare degli eufemismi, potrebbero soddisfare ragioni  politico-clientelari  tese al conseguimento di interessi personali a discapito di quelli della collettività rappresentata e dell’ambiente, non possono certo essere ricondotte al servilismo politico a tal punto da disattendere alla più alta espressione di sovranità democratica - popolare qual’ è il referendum.

Difatti è onesto ed opportuno rilevare che i comitati, i quali si sono proposti di avviare  la raccolta firme lo stanno facendo stante l’insensibilità ed il disinteresse della maggioranza dei consiglieri comunali, anche di coloro i quali avevano - evidentemente per ragioni pubblicitarie - rivendicato la paternità del referendum,  nel sottoscrivere la richiesta che renderebbe obbligatoria la convocazione del Consiglio Comunale portando, di fatto, in tempi rapidi alla celebrazione del referendum stesso consentendo alla cittadinanza di esprimersi liberamente.

Il sottoscritto insieme agli altri consiglieri di Forza Italia, abbiamo già sottoscritto tale documento insieme alla richiesta di convocazione del consiglio comunale.

Faccio pertanto un accorato appello in primis al sig. Sindaco in quanto ancor prima consigliere, ed a tutti coloro i quali liberi da pregiudizi e vincoli di specie acconsentano a far esprimere la cittadinanza nel merito delle tematiche legate alla realizzazione di impianti ( radiofarmaci - biomasse ) di sensibile impatto ambientale.

  Allegato 1

 

  Allegato 2

 

     

 

 

               

 
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini

 

Free Tibet

 

www.astronomiacasarano.it

 

 

 11/12/08 La volpe e i leone.

Di Paolo Memmi

 

 

 09/12/08 Le considerazioni dell'ing. Francesca De Robertis alla lettera della Italgest contro il dott. Serravezza

 

 

 09/12/08 Esaù e il piatto di lenticchie.

Di Gabriele Bastianutti

 

 

 09/12/08 Controllo & Riduzione del Potere - Economico
 

 

 08/12/08 Casarano: la città dove tutti si distrugge e nulla si migliora.

Di Francesco De Matteis

 

 

 06/12/08 Una città a misura di...

Di Francesco Ferrari

 

 

 06/12/08 Il PD di Berlusconi.

Di Enrico Fattizzo

 

 

  05/12/08 Questione Morale.

Di Marco Mastroleo

 

 

  04/12/08 Il nuovo sistema di illuminazione del centro storico? A me piace!

Di Claudio Memmi

 

 

04/12/08 Zagrebelsky: “Corruzione a sinistra, cacicchi scatenati”.

 

 

 04/12/08 Concorso europeo del Movimento per la Vita: "Cara Europa ti scrivo…sogno, realtà, futuro"

 

 

 02/12/08 Considerazioni...

Di Luisa Mazzeo.

2 commentI

 

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

2000 - 2008 www.tuttocasarano.it All rights reserved.