Siamo tutti con Giorgia

Una malattia costringe la 12enne di Taurisano a cure costosissime in Florida (Stati Uniti).

L’Associazione Idee Valori e Solidarietà spiega come aiutarla.

 

 

 

 

 TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

  oggi vi segnaliamo il blog: genitori scuola salento

Comune casarano

Il sindaco Venuti replica alle critiche di Forza Italia sul debito che il comune ha con l'ATO

 

 

Di Alberto Nutricati

Dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 30/09/08

 

 

«Farneticazioni e menzogne prive di qualsiasi fondamento».
Così il sindaco Remigio Venuti (Pd) definisce le dichiarazioni del capogruppo consiliare di Forza Italia, Giampiero Marrella, in relazione alle somme dovute dal comune di Casarano all’Ato Lecce 3.
Niente «allarme rosso» o «distrazione di somme dal bilancio» dunque. Per il sindaco Venuti, infatti, non ci sarebbe nessun debito fuori bilancio, poiché quelle dovute al consorzio sono «somme regolarmente iscritte alla voce dei trasferimenti all’Ato per la gestione del servizio di nettezza urbana».
Eppure, se il comune risulta debitore di un milione e 300 mila euro, qualcosa che non va ci deve pur essere.
«Si tratta solo di una carenza di liquidità», precisa il primo cittadino.
Casarano, insieme ai sette comuni dell’Ato con la più grave situazione debitoria, era stato convocato in prefettura lo scorso giovedì. Il primo cittadino, però, precisa che in quella sede il Prefetto è stato messo a conoscenza che il comune ha provveduto, il 4 settembre, ad inviare una nota all’Ato con cui si impegnava in un piano di rientro.
«Il problema del ritardo dei pagamenti – spiega il sindaco – è da attribuire solo ed esclusivamente alla carenza di liquidità dell’ente, dovuta allo scarto di tempo di circa un anno che intercorre tra la riscossione materiale del tributo e la presentazione delle fatture mensili del gestore da pagare entro trenta giorni. Se poi si considera che, dalla formazione del ruolo (elenco dei debitori e delle somme dovute ndr) alla riscossione della prima rata relativa alla Tarsu, trascorrono almeno tre mesi, che diventano sei e poi otto fino alla completa riscossione, si può comprendere come l’Amministrazione abbia contabilizzato le ultime entrate del 2007 solo nel giugno del 2008».
Da qui le critiche che Venuti rivolge al consigliere Marrella, reo, a suo dire, di «non conoscere i meccanismi che regolano la riscossione della Tarsu a partire dalla sua formazione». Il sindaco, inoltre, aggiunge che «l’Amministrazione ha trasferito mensilmente delle somme all’Ato, anche se non sempre sufficienti a coprire il canone fisso mensile e il costo variabile del conferimento in discarica». Su questo punto, però, i dati in possesso da Forza Italia sono discordanti. Insomma, la saga della «monnezza» casaraese si arricchisce di un ulteriore capitolo.


 

 

 

 

Rosso colore (Pierangelo Bertoli)

 

 

 

               

 
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini

 

Free Tibet

 

www.astronomiacasarano.it

 

  30/09/08 A Pino De Nuzzo.

 Di Giuseppina Bramato

 

 

  30/09/08 Vigili del Fuoco...

Di Francesco Casciaro

 

 

  29/09/08 I programmi elettorali e l´ingegneria edile.

Di William Ghilardi 1 commento

 

 

  27/09/08 Considerazione. Di Loredana Toma

2 commenti

 

 

  27/09/08 Elezioni 2009: 20 facce nuove.

Di Giuseppe Semeraro

 

 

  26/09/08 Petizione contro la vivisezione.

Di Maria Rosaria Scorrano

 

 

  25/09/08 Il coraggio dei vigliacchi.

Di Anselmo Ciuffoletti.

2 commenti

 

 

Ogni lunedi alle 14.00

 

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

2000 - 2008 www.tuttocasarano.it All rights reserved.