TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

 http://www.restaurointerattivo.com/

casarano

Le decisioni prese dal Consiglio Comunale svoltosi ieri.

 

 

 

Di Alberto Nutricati

Dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 03/09/08

 
Ammonta a poco più di due milioni di euro la cifra che il Comune dovrà corrispondere alla Monteco, l’azienda che ha gestito il servizio di nettezza urbana sino al marzo del 2006.
La cifra è la conseguenza della revisione dei prezzi per il periodo che va dal gennaio 1998 al luglio 2003.
Si tratta di un debito fuori bilancio che il Comune pagherà in modo dilazionato, ricorrendo, per quest’anno, ad un mutuo di oltre un milione di euro (1.117.000 per l’esattezza). Per il periodo successivo, invece, si dovrà far fronte a questa spesa con fondi del bilancio comunale.
È quanto ha deliberato il consiglio comunale di ieri all’unanimità, dopo l’uscita dall’aula dell’Udc e di Forza Italia.
«Il contratto con la Monteco – spiega l’assessore al bilancio Gabriele Caputo (Pd) – venne sottoscritto nel marzo del 1994. Il problema è sorto quando, nel 2004, l’azienda ha chiesto per intero la revisione prezzi su un periodo di ben otto anni. Intanto alla scadenza del contratto, nel 2002, l’Amministrazione, per sopravvenuti provvedimenti normativi, prorogò il contratto con la Monteco di altri 12 mesi e, a seguire, ricorrendo a delle ordinanze sindacali, sino al 2006. In effetti, la Monteco ha chiesto la revisione sino al 2006, tuttavia il Tar si è pronunciato solo in merito al periodo coperto dal contratto».
La Monteco, infatti, aveva richiesto per l’intero periodo dal 1998 al 2006, 4milioni e 800mila euro. Dopo una serie di alterne vicende, come la proposta del lodo arbitrale da parte dell’azienda, il rifiuto da parte del Comune ed il ricorso al Tar della ditta, si è giunti al riconoscimento di un debito pari a 2.018.000 euro. Resta aperta la questione relativa al periodo che va dal 2003 al 2006, su cui si attendono le decisioni della Corte di Cassazione.
E se Francesco Ferrari (Udc) e Francesco Capezza (Casarano Amica) lamentano che la questione poteva essere gestita meglio dall’Amministrazione, Claudio Bastianutti (An) sottolinea come il mutuo di un milione che si sta per contrarre sarà un grande fardello per la futura Amministrazione.
Nessun problema, tranne la sola astensione di Rocco Greco, per l’approvazione del secondo punto all’ordine del giorno relativo all’acquisizione di circa nove ettari di terreno per l’ampliamento della zona industriale per un importo pari a 600mila euro.
Approvato, anche se con l’astensione di Casarano Amica e 20 di Libertà e con il voto contrario di Udc e Forza Italia, il punto relativo alle prescrizioni e alle modifiche al Prg che vengono dalla Regione e che il Comune è chiamato a ratificare per poter disporre finalmente dello strumento urbanistico.

 

 

 

 

 

Vivere- Vasco Rossi

 

 

 

 

              

 
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini

 

Free Tibet

 

www.astronomiacasarano.it

 

Percorsi d'Arte è in Via Matino, vieni a trovarci

 

 

 

 

  01/09/08 Viaggio nella realtà meridionale seguendo le orme di don Tonino Bello.

Di Francesco Lenoci

 

 

  31/08/08 L'asse geopolitico del pianeta si sposta sempre più ad est!!!

Di Omar Sarcinella

 

 

  31/08/08 Rottura continua. Di Anserlmo Ciuffoletti

 

 

30/08/08 Fuga radioattiva in Belgio, Perdita di iodio 131 da una fabbrica di isotopi medici

 

Ogni lunedi alle 14.00

 

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

2000 - 2008 www.tuttocasarano.it All rights reserved.