Il piacere puo' fondarsi sull'illusione, ma la felicita' riposa sulla verita'  (Anonimo americano)

 

 

 

 

 TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

  oggi vi segnaliamo il blog: genitori scuola salento

Radiofarmaci: sarà il TAR su ricorso della "Itel" di Ruvo a pronunciarsi sulla sorte dell'impianto.

 

 

 

Di Enzo Schiavano

Dal Nuovo Quotidiano di Puglia del 28/11/2008

 

Sarà il Tribunale Amministrativo Regionale di Lecce a doversi pronunciare sulla sorte dell’impianto di medicina nucleare, in corso di costruzione nella zona industriale. A ricorrere al giudice amministrativo, infatti, è stata la “Itel Telecomunicazioni srl”, società di Ruvo di Puglia (Bari), che contesta l’iter amministrativo seguito dallo Sportello Unico del Comune di Casarano nel rilasciare le previste autorizzazioni. La Itel opera nel settore del monitoraggio, applicazione e protezione dai campi elettromagnetici e con il ricorso presentato al Tar, tramite gli avvocati Guglielmo Saporito e Pier Luigi Portaluri, chiede l’annullamento di tutti i provvedimenti che autorizzano il progetto del Consorzio Radion, che tante polemiche ha sollevato.

Da giorni, infatti, è in corso una raccolta di firme per indire un referendum consultivo sia contro l’impianto di radiofarmaci, già in costruzione presso la zona industriale, che contro la centrale a biomasse, ancora in fase di progettazione. A promuovere il referendum sono il comitato “Energia, ambiente e vita” e l’associazione “Idee Insieme”, protagonista di alcuni sit-in davanti al Municipio per protestare contro l’insediamento. Dal 2005 la “Itel Telecomunicazioni” è impegnata nella progettazione di un’officina farmaceutica di radiofarmaci, investendo risorse proprie. “In questo caso – affermano i ricorrenti – è stato seguito l’intero iter autorizzativo per giungere al prescritto nulla osta, mentre lo stesso non può dirsi per il progetto Radion, che beneficia di finanziamenti pubblici”.

In particolare al Tar si chiede di accertare i segnalati errori procedimentali in riferimento “all’assenza di alcuni pareri”, mentre “risulterebbe che parte della documentazione sarebbe stata, per esigenze di rapidità, usata sia per una richiesta di insediamento nel territorio di Sannicola sia per la richiesta di insediamento nel Comune di Casarano” si legge nel ricorso.

Il Comune di Casarano, da parte sua, ha già conferito incarico legale all’avvocato Giuseppe Mormandi, per resistere al ricorso in questione. La Itel segnala, inoltre, come l’attività del Consorzio Radion sia stata autorizzata prima che il piano sanitario regionale abbia previsto le strutture (ossia le Tac) dove utilizzare il farmaco prodotto, comunque entro due ore dalla produzione per evitare che il farmaco decada.

 

 

 

 

     

 

 

 

               

 
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini

 

Free Tibet

 

 

 

 22/11/08 Nuova illuminazione nel centro storico, giusto protestare, ma perchè solo ora?

Di William Ghilardi 5 commenti

 

 

 22/11/08 Buffonate a palazzo.

 Di Anselmo Ciuffoletti

4 commenti

 

 

  21/11/08 Dedicato a tutte le copie di Obama.

By ledicolantepazzo

 

 

  19/11/08 22 Novembre 2008 PUGLIA, Nardò: NO AL NUCLEARE.

Di Chiara Falcone

 

 

  18/11/08 Libertà di pensiero, l'essenza della democrazia.

Di Maria Teresa Bellante

 

 

  18/11/08 La seconda navigazione.

Di Gabriele Bastianutti

 

 

  17/11/08 Eluana vive.

Di Enrico Giuranno

 

In vendita esclusiva sul

Deejay Store di Radio Deejay

il singolo dei SUD SOUND SYSTEM

DANE CULURE

IL RICAVATO SARA’ DEVOLUTO

IN BENEFICENZA ALLA

LEGA CONTRO I TUMORI DI LECCE

 

http://www.pieroricca.org/

 

 

2000 - 2008 www.tuttocasarano.it All rights reserved.