TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

«DE VITI DE MARCO»: ALLEANZA SCOLASTICA CON LA ROMANIA

dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 27/02/04

 

Romania chiama Casarano, e Casarano risponde. È così che l'Istituto tecnico commerciale "De Viti - De Marco" ha deciso di rivolgere il suo sguardo all'Est Europa, ormai prossima ad entrare nell'ambito della Comunità Europea e rafforzare il vincolo di solidarietà tra il popolo italiano e quello rumeno, in una più ampia visione europeistica stipulando oggi un protollo di intesa a cui faranno seguito una serie di visite reciproche.
Il protocollo di intesa e di conseguenza il gemellaggio è stato siglato dal dirigente dell'Itc di Casarano Laura Cretì, dal presidente della Provincia di Mures Virag Gyorgy, dall'ispettore scolastico generale di Mures Stefan Somesan, dal direttore del Colegiul National "Unirea" di Tirgu-Mures e dal presidente della associzione Italia-Romania Oronzo Marino.
Questo gemellaggio consentirà a 24 alunni di vivere in prima persona un'esperienza che li arricchirà sia dal punto di vista umano che sociale, permettendogli di vivere in un ambiente diverso da quello quotidiano, per cogliere le differenze e i punti in comune. Ecco perchè i ragazzi dell'Itc sono pronti a partire la prossima settimana per Tirgu Mures e trascorrere dieci giorni di scuola in un'altra nazione, oltre ovviamente a dormire presso le famiglie rumene. I ragazzi avranno diversi incontri e frequenteranno dibattiti e tavole rotonde appositamente organizzate per loro. Il progetto di gemellaggio e scambio interculturale "Imparare conoscendosi", attuato con la Romania, è stato approvato anche dalla Provincia di Lecce che a tal proposito ha offerto un finanziamento pari a 10mila euro.
Estrema soddisfazione è stata espressa dal dirigente scolastico Cretì: «Lo scambio culturale è rivolto agli alunni delle quarte e si propone di sensibilizzare gli studenti al valore della mondialità, in modo che possano acquisire e diffondere una cultura dell'accoglienza e della reciprocità».