TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

Casarano, 29/04/04

 

 

"Niente è più forte della voglia di vivere". Questo è lo slogan della giornata della solidarietà "La scuola per la vita", giunta alla terza edizione che si svolgerà giovedì 29 aprile con la partecipazione degli  studenti di alcuni istituti superiori di Casarano.La manifestazione avrà inizio alle ore 8.30, quando i vari cortei partiranno dalle scuole per poi riunirsi presso lo stadio comunale "G. Capozza".Qui si svolgerà la fase finale del torneo di calcio disputato in settimana tra le diverse
rappresentative maschili degli istituti e una simpatica partita tra i docenti e gli allievi.
Mentre Industriale e Geometri si sfideranno per il primo e il secondo posto in un avvincente derby,il Commerciale e lo Scientifico si contenderanno il terzo posto.
Contemporaneamente si svolgerà al 2° Polo, in via Messina, un torneo femminile di pallavolo.
Nella scorsa edizione, attraverso la vendita di biglietti della lotteria interna e magliette aventi il logo della manifestazione,sono stati raccolti 3300 euro, che sono stati donati ai gruppi di volontariato: "Primavera e Vita" di Casarano,"A. Tuma" di Felline e "Il Sole" di Taurisano.
L'obiettivo di questa giornata è quello di superare la cifra raggiunta l'anno precedente e contribuire al progetto Isaia per la realizzazione di un orfanotrofio in Rwanda. Tutto si concluderà con la premiazione delle squadre vincenti e inoltre verrà assegnato un riconoscimento agli Istituti che hanno dimostrato nel corso della manifestazione la maggiore solidarietà e il maggiore impegno. Il prof. Giuseppe Isernia, docente di matematica nell'IIS "A. Meucci" e membro del comitato promotore dell'iniziativa, ha dichiarato: "Questo interessante progetto è nato dalla forte esigenza dei ragazzi di
diffondere la cultura della solidarietà. Quindi l'impegno non deve ridursi a un solo momento ma deve continuare nel tempo affinché il volontariatodiventi la quotidianità di tutti".

Margaret Scarlino