TuttoCasarano

  Lo spazio web a disposizione dei cittadini

  Home page

   La vita Politica

  Lo sport

  Cultura

  Tutto città

   Informazioni turistiche

    scrivici

 Oggi vi segnaliamo il sito dell'Istituto Scolastico del 1° Polo www.polo1viaruffano.it

Istituto Tecnico Industriale "Meucci". Studenti in "fuga", un sms li smaschera

 

 

 

 

Di Antonella Coppola

Dal Nuovo Quotidiano di Puglia del 16/01/2008

 

Tempi duri in vista per gli studenti frequentanti l'istituto tecnico industriale "Meucci" di Casarano. Da ieri in poi il marinare la scuola, anche per i maggiorenni, è diventato solo un bellissimo ricordo. Addio salto delle lezioni se non si è preparati o semplicemente per passare una giornata di vacanza con la persona del cuore. Come mai? E' presto detto: alle 11 del mattino si e gia. come si suol dire, "sgamati" e non dai professori ma addirittura dai genitori. Il che è ben più grave.

 

E' partito ieri, infatti, all'industriale il cosiddetto "servizio sms alle famiglie" che rientra nell'ambito di un processo di interazione tra scuola e famiglia. «Ogni giorno - spiega il direttore amministrativo della scuola Antonio Zinzi, responsabile del progetto con l'ausilio dell'ufficio didattico - alle 11 comunichiamo sul cellulare del padre o della madre l'assenza o il ritardo del proprio figlio da scuola».

 

Come funziona? Tutte le mattine, entro le 10 vengono immagazzinati tramite un lettore ottico le assenze e i ritardi. Per le 11 è programmato l'invio automatico del messaggio con la relativa comunicazione. «Questo servizio riprende Zinzi - sarà esteso a qualsiasi altra iniziativa, come il comunicare le date degli incontri scuola-famiglia, ed altre comunicazioni di particolare gravità».

 

Ieri si diceva il primo giorno di attuazione della particolare iniziativa. I dati parlano da sé. Ben 109 gli sms inviati, su 1200 alunni, per segnalare assenze o ritardi. E' inutile dire che molti ragazzi sono stati scoperti a marinare la scuola. Anche perché ignari di quanto stava accadendo.

 

«Numerose famiglie - continua Zinzi - hanno chiamato la scuola per verificare e ringraziarci per il servizio offerto. Stupore e arrabbiature non sono mancati per coloro che hanno scoperto che i figli, a loro insaputa, non si trovavano a scuola».

 

Ma non finisce qui. «Questo servizio - conclude - si colloca in un progetto piu ambizioso che entro la fine dell'anno prevede la gestione del giornale del professore e di quello di classe tramite web per permettere in tempo reale alle famiglie di venire a conoscenza dell'andamento didattico del proprio figlio».

 

Soddisfazione viene espressa dal dirigente scolastico Virgilio Manni. «Ho sempre creduto - sostiene - nella necessità di una collaborazione con le famiglie per cui questo strumento darà un contributo a rendere più forte il legame con i genitori e a indurre gli studenti ad essere più diligenti e quindi in definitiva a poter raggiungere dei risultati più soddisfacenti. Questo tipo di iniziative si possono realizzare, perché c e una struttura operativa efficiente».

 

«E' una buona cosa - commenta Rocco Rizzello, insegnante di tecnologia e disegno - perché i genitori riescono, in tempo reale a monitorare il comportamento dei figli».

 

Insomma, addio a scappatelle e vacanze non autorizzate.

 

«Come in prigione, non ci trattano da adulti»

Il servizio sms mette d'accordo proprio tutti: insegnanti e famiglie. E gli alunni, ieri mattina ancora storditi dalla lieta novella, cosa ne pensano? D'accordo anche loro?

 

Non proprio... «In questa scuola - afferma una studentessa, S.V. - stanno un po' esagerando. Sta diventando sempre più una prigione».

 

Ma in realtà non si preoccupa più di tanto...

 

«Molti genitori - continua - compresi i miei, non sanno leggere i messaggi sul cellulare. A casa mia, mio padre mi chiede, ad esempio, di leggerglieli».

 

«A mio avviso - ribatte un altro alunno, M.M. - è veramente una buona cosa, perché i nostri genitori sono informati di tutto».

 

Ma quale è la lamentela più diffusa? E' ovvio: il non poter più marinare la scuola. «Se guardiamo l'aspetto formativo - commenta Federica De Luca, rappresentante di classe - si tratta di un fatto positivo, perché i nostri genitori sono informati di tutto ciò che riguarda figli. Noi ragazzi maggiorenni però non siano d'accordo, perché se, per tante altre cose siamo ritenuti responsabili, non capiamo perché per questa, invece, siamo penalizzati e non veniamo considerati adulti in grado di decidere da soli se frequentare o meno un giorno di scuola o se entrare con un' ora di ritardo».

 


 

 

 

 

 

 www.tuttocasarano.it 

              

 

 

Nessuno tocchi Clementina

 

www.astronomiacasarano.it

 

Percorsi d'Arte è in Via Matino, vieni a trovarci

 

 

 

19-20-26-27 Gennaio

Teatro “E.Filograna” 

Commedia dialettale

U maritu minchione, l’amicu furbone e lei col “pancione”

 

 

 

  11/01/08 Polemica Pro-Loco Comune: se ne parll sul Forum

 

 

  10/01/08 Corso  XX Settembre: riasfalto che indigna! Di Giuseppe Magliarella

 

 

  10/01/08 Traffico in città: se parla sul nostro Forum

 

 

  10/01/08 Il Re è nudo...più o meno..

Di Marcello Papaleo

 

 

  06/01/08 Appello di aiuto per la Chiesa di San Pietro dei Samari a Gallipoli.

Di Angela Paradisi. Ci ha scritto il sito "Osservatorio di Belloluogo" e Cosimo Esposito da Matino

 

 

 05/01/08 Napoli: Imprese, politici e camorra
ecco i colpevoli della peste.

Di Roberto Saviano

 

 

  03/01/08 Very intelligence. Di Marco Travaglio

 

 

  23/12/07 Corso  XX Settembre... appena rifatto e già versa in pessime condizioni. Di Mario Stifani e Raffaele Marsigliante. 3 commenti

 

 

  17/12/07 E' in edicola "il tempo e la musa" la prima pubblicazione di Davide Barletta

 

 

 12/12/07 Quando le nostre scelte, per negligenza o per scelta,  ricadono sugli altri.

Di Gabriele Bastianutti

 

 

 

 

 

 

 

 

2000 - 2007 www.tuttocasarano.it All rights reserved.