TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page La vita Politica Lo sport Cultura Informazioni turistiche In città la nostra E - mail

LETTERA  APERTA AD EUGENIO MEMMI

di Giovanni Coletta, Casarano 26 Novembre 2004

 
 

Caro Eugenio,

Ti scrivo solo a titolo personale pertanto non coinvolge  l’associazione  “AZIONE DEMOCRATICA” di cui faccio parte  e che nel mio piccolo  ho contribuito a costituire.

Mi riferisco al tuo articolo “ECCO A VOI AZIONE DEMOCRATICA” (Tuttocasarano del 21.11.04), conoscendoti come persona attenta e spesso priva di pregiudizi o tare ideologiche, mi sono meravigliato del tuo articolo nella quale facevi il resoconto dell’assemblea di presentazione di Azione Democratica, in quell’articolo sono presenti forti contraddizioni, da una parte evidenzi il tuo entusiasmo per la novità, “finalmente delle donne che vogliono fare politica”, poi affermi che non c’erano contenuti  e soluzioni ai problemi, dimenticando che era solo la presentazione di una associazione e non un simposio sulla soluzione dei problemi di Casarano, poi ad un certo punto sali in cattedra e cominci a parlare di inciuci ed altro, chiedendo anche tu abiure e pentimenti nei confronti di recenti scelte elettorali  che, costituivano  solo una scelta di libertà nei confronti di un potere politico prepotente ed arrogante, oltre che incapace ad essere all’altezza dei problemi della città. Queste scelte sono state fatte alla luce del sole senza accordi sottobanco e limitate al solo momento  elettorale, altri invece, per mantenere il proprio potere, non hanno esitato a compiere scelte ed a mettere in atto pratiche non sempre molto chiare. Puoi pensarla come vuoi, ma quello che ti sei ritrovato dopo le elezioni non è certamente meglio di quello che, anche generosamente, quelle donne e quegli uomini proponevano durante la campagna elettorale.

Il tuo atteggiamento  mi sembra pertanto stroncatorio nei confronti di un tentativo fatto  da giovani donne e non solo, di esprimere un impegno politico per dare voce alle diverse esigenze della città, certo  ci può anche essere ingenuità, ma chi dice che questo è un difetto, anche perché, lo abbiamo detto già altre volte, siamo stanchi della cosiddetta società dei furbi.

Un’ultima annotazione, che vale per te, ma anche per altri. E’ bene  chiarire che “AZIONE DEMOCRATICA” nasce non da una costola di CASARANO AMICA, vogliamo ricordare  che i movimenti che sostenevano LEDA SCHIRINZI erano diversi “INSIEME PER RINASCERE”, “PROGETTO CITTA’”, “SOCIETA’ APERTA” oltre a singole persone che si erano avvicinate in campagna elettorale, pertanto nessuna scissione ma la presenza di sensibilità diverse che liberamente , in presenza di alcune affinità, hanno  deciso, in presenza di obiettivi comuni di dare vita all’associazione “AZIONE DEMOCRATICA”.

  

                                              Cordialmente.

                                                                                 Giovanni Coletta

 

Caro Giovanni, ti ringrazio innanzitutto per il tono cordiale della tua lettera, in merito ai contenuti è evidente che abbiamo un modo diverso di attribuire significati alla lettura delle scelte da voi adoperate nelle ultime elezioni amministrative.

Eugenio Memmi