TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

 

 
 
 
ARCHIVIO  

 VIDEO

 CHAT

ECONOMIA

CHIESE

MONUMENTI

AGRICOLTURA

VOLONTARIATO
       

TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO ONLUS

Distretto  Federativo  di  Casarano  

 

Presidio Ospedaliero “F. Ferrari” –Viale F. Ferrari -73042 CASARANO -( FAX 0833/508393

E.-Mail: defilippitdm@libero.it  - COORDINATRICE  TERRITORIALE A.USL LE/2 : Anna Maria De Filippi

“Operare perché tutti i cittadini si sentano non ospiti, ma padroni della Repubblica e reclamino poteri e responsabilità a tutela dei propri diritti: questa è la missione di Cittadinanzattiva!”

Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di  interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà.

(articolo 118 della Costituzione, comma 4)

 

Fare i cittadini è il miglior modo di esserlo

Casarano, 22.10.2004

                                                                                                            

                                                                                                                             DIRIGENTE SCOLASTICO

                                                                                                                             DR. COSIMO MUZZACHI

                                                                                                                             SCUOLA MATERNA “S. G. BOSCO”

                                                                                                                             MATINO

 

SIG. SINDACO

                                                                                                                             DEL COMUNE DI MATINO

 

                                                                                                                             DIRIGENTE D. S. S.

                                                                                                                             DR. RENATO DE NUZZO

                                                                                                                             CASARANO

                                                                                              e, p.c.

                                                                                                                             GOVERNATORE REGIONE PUGLIA

                                                                                                                             DR. RAFFAELE FITTO

 

                                                                                                                             ASSESSORE SANITA’ REG. PUGLIA

                                                                                                                             DR. SALVATORE MAZZARACCHIO

 

                                                                                                                             DIRIGENTE MIUR

                                                                                                                             DR. MARIO FIORE

                                                                                                                             BARI

                                                                                                                            

DIRIGENTE CSA

                                                                                                                             DR. ANTONIO CAMPANELLI

                                                                                                                             LECCE

 

                                                                                                                             DIRETTORE GENERALE ASL LE/2

                                                                                                                             DR. NICOLA ROSATO

                                                                                                                             MAGLIE                                                                                                                            

                                                                                                                             SEGRETARIO REGIONE PUGLIA

                                                                                                                             CITTADINANZATTIVA – TDM

                                                                                                                             DR. FERNANDO D’ANGELO

                                                                                                                             SAN SEVERO

 

                                                                                                                                                                                                                                                         

               

OGGETTO: Integrazione scolastica – un diritto negato.

 

 

            I signori_____________e ____________, genitori della piccola M.A. affetta da tetraparesi spastica si rivolgono a questo Movimento di Cittadinanzattiva – Tribunale per i diritti del malato per segnalare quanto di seguito riportato.

Questi i fatti:

            Il 12 ottobre c.a. la signora _________ accompagnava la propria figlia presso la scuola materna “S.G. Bosco” di Matino e con sua grande sorpresa, scopriva che non c’era l’assistente scolastica prevista per gli interventi di prima necessità, per cui, durante le ore di lezione, la signora veniva chiamata spesso dalla scuola  per andare ad  assolvere ai bisogni primari della figlia.

 

 

 

            Un giorno, pero, lei non è stata chiamata e quando è andata a riprendere la piccola dalla scuola, l’ha trovata con indosso i pantaloni ancora sporchi di vomito.

            Alla giusta indignazione della madre un operatore scolastico rispondeva che il personale aveva avuto timore di spostare la bambina, per non farle male o comunque per non procurarle ulteriori danni,  perché nessuno sapeva come fare.

            La signora, nel frattempo, aveva incontrato ripetutamente il Dirigente scolastico il quale alle sue richieste aveva risposto che egli, pur avendo il personale per garantire l’assistenza di base, suo malgrado non aveva i fondi per pagarlo e le consigliava di rivolgersi al Comune di Matino o alla ASL.

Al che la signora gli rispondeva che in quelle condizioni, cioè senza un’assistente, senza i dovuti ausili, come per esempio un fasciatoio su cui stendere la piccola per essere cambiata e senza tutti quei presupposti per una reale integrazione scolastica, lei preferiva non far frequentare la scuola a sua figlia, ma il Dirigente scolastico le rispondeva che se l’avesse fatto le avrebbe mandato i carabinieri a casa per evasione all’obbligo scolastico.

            Intanto la signora si era recata anche al Comune e al Dirigente del Distretto Socio Sanitario di Casarano, dr. Renato De Nuzzo, dove le veniva risposto che era competenza della scuola provvedere all’assistente.

            Il 20 ottobre u.s. la signora ritornava dal Dirigente scolastico che, con arroganza e usando continuamente l’espressione “questi handicappati”, le rispondeva che la scuola materna non era scuola dell’obbligo per cui avrebbe fatto meglio a tenersi la bambina a casa e che egli avrebbe esposto comunque denuncia ai carabinieri.

            A questo punto i genitori, sentendosi minacciati e disorientati, lo stesso giorno  si recavano alla caserma dei carabinieri di Matino, ma il comandante non c’era e venivano invitati a tornare l’indomani.

            Il giorno successivo, il 21 ottobre i coniugi _______sporgevano denuncia a questo TDM chiedendo la tutela dei loro diritti. 

 

            Questo Movimento, evitando di fare apprezzamenti sui fatti come descritti dai diretti interessati, tanto si commentano da soli, tuttavia non può esimersi dal fare alcune considerazioni.

            La legge n. 104 del 5.2.1992 e successive modifiche, la n. 10/97 regionale, la n. 360 dell’11.05.1976, la n. 517 del 4.8.1977, l’art. 27 dell’ 8.6.1990, la n. 162 del 21.05.1998, la nota del MIUR prot. n. 3390 del 30.11.2001, nonché tutta la normativa vigente, più la nota del CSA di Lecce prot. N. 18715/GSA del 10.09.2002 e, da ultimo, la legge 328/2000 e quella regionale n. 17 del 25.08.2003, avrebbero dovuto indurre tutti i soggetti interpellati dalla signora a dare risposte adeguate, servizi efficienti, evitandole di peregrinare da Erode a Pilato, di essere umiliata, di perdere tempo e di essere minacciata.

            La legge 104 art. 12, garantisce il diritto all’educazione e all’istruzione al bambino con handicap a partire da 0 anni con l’inserimento negli asili nido e l’art. 13 ne stabilisce l’integrazione scolastica.

            Le varie competenze dell’Istituzione scolastica sono ben definite da tutta la normativa su indicata e dalla nota del MIUR n. 3390, per cui l’ausilio agli alunni portatori di handicap nell’uso dei servizi igienici e nella cura dell’igiene personale è a carico della Scuola e deve essere retribuita col fondo d’istituto o con ogni altro stanziamento destinato alla retribuzione di prestazioni previste dall’art. 86 del CCNL del 24.07.2003.

            Inoltre l’Istituzione scolastica ha il dovere di convocare almeno 2 volte all’anno il gruppo di lavoro, una volta prima dell’inizio dell’anno scolastico per la programmazione coordinata dei servizi scolastici con quelli sanitari, socio – assistenziali, ecc. e una volta alla fine dell’anno scolastico.

 

 

 

Ed è sempre il gruppo di lavoro che deve stabilire quali sono gli interventi più opportuni e più efficaci per un’adeguata assistenza e integrazione scolastica dell’alunna.

            Siccome alla piccola M. A., certificata con handicap grave, devono essere somministrati i

dovuti farmaci, l’Istituzione scolastica se ne deve fare carico.

            L’affermazione dell’operatore scolastico che dichiarava candidamente che nessuno si era permesso di toccare la bambina per paura di farle del male, dimostra l’impreparazione di personale adeguatamente addestrato alle tecniche di spostamento.

            Infatti, nel giugno del 2003 fu tenuto a Casarano, un corso di formazione per i collaboratori scolastici di tutte le scuole del comprensorio, organizzato dal CSH di Casarano e questo TDM intervenne segnalando e denunciando proprio la carenza di nozioni e lezioni sulle tecniche di spostamento degli alunni disabili.

            Spesso i soliti corsi di formazione si rivelano un inutile spreco di denaro pubblico quando sono organizzati senza la dovuta attenzione ai problemi reali, come dimostra questo caso e tutte quelle segnalazioni che sono giunte al nostro sportello.

            Sicuramente il gruppo di lavoro, se fosse stato convocato come previsto dalla legge 104, avrebbe risolto tutti i disagi che i genitori in questione sono stati costretti a subire, né è sufficiente una soluzione rattoppata come quella suggerita dal Dirigente scolastico di far cambiare scuola alla piccola assegnandole un assistente a timer, (un’ora) dal momento che all’alunna devono essere somministrati anche i farmaci.

            Per le tecniche di spostamento l’Istituzione scolastica può chiedere alla ASL LE/2 l’intervento di un terapista della riabilitazione per insegnare all’operatore scolastico individuato e pagato dal fondo d’Istituto, come prendersi cura della bambina.

            Risulterebbe una grave negligenza, da parte dell’Istituzione scolastica, l’affermazione che non ci sono fondi e quella di non aver previsto per l’a.s. 2004/2005 un assistente scolastico per la piccola M. A., competenza e responsabilità che è esclusivamente a carico della Scuola.

            L’Istituzione scolastica, il Comune di Matino, come pure il Distretto Socio Sanitario e i  relativi  servizi sociali sono a conoscenza di tutta questa normativa vigente e dell’esistenza del Centro Servizi per l’Handicap che ha sede presso il 2° Polo di Casarano, per cui avevano il dovere istituzionale di affrontare e risolvere i problemi di questi genitori e a non aggravarli con negligenza, imperizia e incompetenza costringendo una madre a umiliarsi per ottenere sacrosanti diritti.

            Al fine di evitare un esposto alla Procura della Repubblica, perché è intollerabile che la legge, i diritti  dei diversamente abili e delle loro famiglie vengano disattesi, violati e calpestati a ogni piè sospinto, si chiede a tutte le Istituzioni in indirizzo, ognuna per le proprie competenze, di voler intervenire per favorire un’adeguata assistenza e integrazione scolastica in sintonia con le esigenze che la patologia richiede ed in collaborazione con i genitori.

            Questo Tribunale per i diritti del malato rimane in attesa di una risposta in merito, facendo presente che sarà sempre vigile  e attento su questioni così delicate e fa presente, fin d’ora, che percorrerà tutte le strade possibili per  colpire ulteriori inadempienze.

            Alle Autorità Politiche e Istituzionali Superiori, a cui la presente è diretta per conoscenza, si chiede una maggiore vigilanza del rispetto delle leggi e dei diritti dei cittadini, almeno fino a quando saremo ancora in DEMOCRAZIA.

             Con l’occasione porgiamo deferenti saluti.

 

   Giovanni De Marco                                                  A. Maria De Filippi

Coordinatore CnAMC                                             coordinatrice territoriale