TuttoCasarano

Lo spazio web a disposizione dei cittadini

Home page

La vita Politica

Lo sport

Cultura

Succede in città

Informazioni turistiche

la nostra E - mail

.

Iniziativa di un gruppo di ex liceali del Vanini, oggi studenti universitari. La storia della loro classe continua a distanza. Scuola, un «amarcord» via internet
Sparsi in tutta Italia ma in contatto grazie al sito nato per scambiarsi i compiti

di Danilo Lupo, dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 25/02/04

Divisi dall'università, uniti da internet.
L'era della comunicazione globale è anche questo: se fino a poco tempo fa la fine del liceo significava disperdere quel patrimonio di affetti e amicizie che si sviluppano sui banchi di scuola, oggi i componenti di una classe, anche se dispersi ai quattro angoli dello Stivale, mantengono un contatto.
Prova vivente è il sito internet www.laclasse.org  messo su dagli studenti (diplomati nello scorso anno scolastico) della V C del Liceo Scientifico "Vanini".
Il telefono costa, la classica posta è ormai obsoleta, le stesse e mail non danno l'opportunità di un contatto diretto.
E allora cosa c'è di meglio di un bel sito internet, dedicato alla classe che fu, ai suoi componenti, ai suoi riti e ai suoi miti?
Lo spiega meglio il webmaster del sito, Michael Manco, che sul web si firma Mika84 e dallo scorso anno studia a Milano.
«Questo sito è un po' la nostra anima - dice - è nato quasi per gioco, visto che lo usavamo per scambiarci i compiti. Poi, finito il liceo, tutti noi ci siamo trovati di fronte ad una realta' che non conoscevamo: la nostra classe che si era formata per caso e che ormai era diventata una grande famiglia ha perso le sue abitudini. E' stata dura un po' per tutti dividersi, in fondo ad ognuno di noi appartiene un po' di vita dell'altro».
Per gli ex studenti della V C rivedersi tutti insieme nella vita reale, però, è difficilissimo, dato che si ritrovano sparsi a studiare in tutta Italia, da Lecce a Milano, passando per Bari, Ancona, Urbino, Bologna, Firenze e Parma («il nucleo più attivo», secondo Michael).
E allora perchè non trasformare quello che in origine era un insolito modo per passarsi i compiti in una specie di piazza virtuale dove ritrovarsi e non spezzare il filo che li lega?
Proprio per questo nasce il sito, dove gli ex studenti pubblicano le loro foto e i loro messaggi rivolti al resto della classe: una specie di ricreazione permanente, con buona pace di Carlo Verdone che, se vorrà girare un sequel del suo famoso film «Compagni di scuola», questa volta dovrà ambientarlo tra tastiere, mouse e scanner.